Etna, seconda notte tranquilla dopo il sisma$
Web
di Redazione
Seconda notte tranquilla sull'Etna dove si è abbassata ulteriormente l'attività sismica: registrati dall'Ingv sei terremoti, cinque a Zafferana Etnea e uno a Milo, di magnitudo modesta. Quello di maggiore energia, magnitudo 2.0, alle 03:41 a Zafferana Etnea. Non sono stati registrati danni a cose o persone. L'evento distruttivo rimane la scossa di magnitudo 4.8 registrata alle 03:19 del giorno di San Silvestro. I valori del tremore dei condotti interni del vulcano, che segnalano l'energia del magma in risalita, sono ulteriormente calati, attestandosi su dati quasi rientranti nella norma. E la fase effusiva sembra lentamente regredire, con la lava ferma nella desertica valle del Bove.
Di Maio a Catania:
Web
di Redazione
"Domani sarà dichiarato lo stato di emergenza e saranno stanziate le risorse necessarie per dare supporto ai sindaci e alle autorità locali per aiutare le famiglie". Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio appena arrivato a Fleri, frazione di Zafferana Etnea, tra le zone maggiormente danneggiate dal terremoto di Santo Stefano. "Grazie alla Protezione civile e alle autorità locali - ha aggiunto - per il lavoro fatto. Rafforzeremo il sistema antisciacallaggio in modo da rassicurare chi la notte scorsa ha dormito in auto e non in albergo".
Etna, notte tranquilla $
Web
di Redazione
Notte tranquilla dal punto di vista sismico quella trascorsa sull'Etna: sul vulcano attivo più grande d'Europa gli strumenti dell'Ingv hanno registrato una decina di scosse, ma di bassa energia. I tre eventi maggiori alle 4:40 a Zafferana Etnea, di magnitudo 2.0, e ipocentro a 2 km di profondità, e gli altri due su altro versante, a Ragalna, ieri alle 21:14, di magnitudo 2.3, e a seguire alle 2:18, di magnitudo 2.1. Quello delle 3:19 di notte del 26 dicembre è considerato dall'Ingv come uno dei terremoti più energetici mai registrati sul vulcano.
Bambinello nero in Chiesa, polemizza la Lega$
Web
di Redazione
Dopo la notizia che a Sortino (Sr) il parroco della chiesa dei cappuccini, Matteo Pugliares, ha mostrato un bambinello nero ai fedeli, durante la messa natalizia di mezzanotte, per poi riporlo nel presepe del convento la Lega polemizza dicendo che il gesto ''stravolge il vero significato della Natività''. Igor Gelarda e Fabio Cantarella, responsabili siciliani enti locali della Lega, dicono che ''sull'altare è stato celebrato un falso storico, non certo un messaggio di uguaglianza, che può rappresentare anzi la forma più alta di razzismo proprio da chi, in modo radicale, tradisce la parola di Dio".
Terremoto, solidarietà da tutta Italia sul muro di Calciocatania.com$
Flickr.com
Foto: PRP Channel
di Redazione
Messaggi di solidarietà da Palermo, Messina, Lecce, Novara e Ferrara. Sui social il sostegno dell'ex tecnico del Catania Lucarelli
Dia, confiscati beni a boss per 1,5 milioni$
Web
di Redazione
Beni per 1,5 milioni di euro sono stati confiscati dalla Dia di Catania a Salvatore Nizza, 46 anni, appartenente all'omonimo gruppo, affiliato alla famiglia mafiosa di Cosa nostra catanese Santapaola-Ercolano, attivo nel popoloso rione di Librino con diramazioni nel nord Italia e in Europa. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale etneo in accoglimento della proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale avanzata dalla locale Dda, diretta dal procuratore Carmelo Zuccaro, che aveva emesso decreto di sequestro.
Sant'Agata 2019 con un contributo minore da parte del Comune$
Web
di Redazione
Riunione ieri in Arcivescovado tra l’Arcivescovo monsignor Salvatore Gristina, il sindaco di Catania Salvo Pogliese e il Comitato per la Festa di Sant’Agata, composto dal presidente Francesco Marano, il vicepresidente Giuseppe Barletta, il segretario Carlo Zimbone, il tesoriere Roberto Giordano, Maria Teresa Di Blasi, Filippo Donzuso, Mimmo Percolla e il presidente onorario Luigi Maina.
Palermo, attore muore per esalazioni stufa$
Web
di Redazione
Giovanni Martorana, attore palermitano di 56 anni, è stato trovato morto nella sua casa di contrada Pezzingoli, a Monreale (Pa). Il decesso è avvenuto due giorni fa a causa delle esalazioni di una stufa a legna rimasta accesa mentre l'uomo dormiva. Secondo quanto riferiscono alcuni amici, avrebbe provato a raggiungere la porta di casa, dietro la quale è stato trovato senza vita. Martorana era conosciuto con il soprannome "U Saracinu".
Ha confessato il 16enne accusato dell'omicidio del clochard $
Web
di Redazione
Ha confessato dopo il lungo interrogatorio il giovane romeno di 16 anni fermato dai carabinieri per l'omicidio di Aid Abdellah, francese di 56 anni, ucciso domenica notte e trovato morto sotto i portici di piazza Ungheria a Palermo. Ha detto al pm del tribunale per i minorenni di avere colpito con un spranga la vittima spiegando però che non voleva ucciderlo. Lo ha colpito per prendere qualche decina di euro che l'uomo teneva nel portafoglio. Forse ha preso anche il cellulare.
Mafia, confiscati beni ad imprenditore Alamia$
Web
di Redazione
La guardia di Finanza, col coordinamento della Procura di Palermo, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale ha notificato la confisca dei beni al costruttore e immobiliarista Francesco Paolo Alamia, 84 anni, originario di Villabate (Pa). Passano allo Stato numerosi immobili e terreni, imprese, rapporti finanziari (con disponibilità di circa 900 mila euro) e autovetture, ''per un valore di oltre 15 milioni di euro''.
Advertisement
Advertisement