Terremoto, solidarietà da tutta Italia sul muro di Calciocatania.com$
Flickr.com
Foto: PRP Channel
di Redazione
Messaggi di solidarietà da Palermo, Messina, Lecce, Novara e Ferrara. Sui social il sostegno dell'ex tecnico del Catania Lucarelli
Dia, confiscati beni a boss per 1,5 milioni$
Web
di Redazione
Beni per 1,5 milioni di euro sono stati confiscati dalla Dia di Catania a Salvatore Nizza, 46 anni, appartenente all'omonimo gruppo, affiliato alla famiglia mafiosa di Cosa nostra catanese Santapaola-Ercolano, attivo nel popoloso rione di Librino con diramazioni nel nord Italia e in Europa. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale etneo in accoglimento della proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale avanzata dalla locale Dda, diretta dal procuratore Carmelo Zuccaro, che aveva emesso decreto di sequestro.
Sant'Agata 2019 con un contributo minore da parte del Comune$
Web
di Redazione
Riunione ieri in Arcivescovado tra l’Arcivescovo monsignor Salvatore Gristina, il sindaco di Catania Salvo Pogliese e il Comitato per la Festa di Sant’Agata, composto dal presidente Francesco Marano, il vicepresidente Giuseppe Barletta, il segretario Carlo Zimbone, il tesoriere Roberto Giordano, Maria Teresa Di Blasi, Filippo Donzuso, Mimmo Percolla e il presidente onorario Luigi Maina.
Palermo, attore muore per esalazioni stufa$
Web
di Redazione
Giovanni Martorana, attore palermitano di 56 anni, è stato trovato morto nella sua casa di contrada Pezzingoli, a Monreale (Pa). Il decesso è avvenuto due giorni fa a causa delle esalazioni di una stufa a legna rimasta accesa mentre l'uomo dormiva. Secondo quanto riferiscono alcuni amici, avrebbe provato a raggiungere la porta di casa, dietro la quale è stato trovato senza vita. Martorana era conosciuto con il soprannome "U Saracinu".
Ha confessato il 16enne accusato dell'omicidio del clochard $
Web
di Redazione
Ha confessato dopo il lungo interrogatorio il giovane romeno di 16 anni fermato dai carabinieri per l'omicidio di Aid Abdellah, francese di 56 anni, ucciso domenica notte e trovato morto sotto i portici di piazza Ungheria a Palermo. Ha detto al pm del tribunale per i minorenni di avere colpito con un spranga la vittima spiegando però che non voleva ucciderlo. Lo ha colpito per prendere qualche decina di euro che l'uomo teneva nel portafoglio. Forse ha preso anche il cellulare.
Mafia, confiscati beni ad imprenditore Alamia$
Web
di Redazione
La guardia di Finanza, col coordinamento della Procura di Palermo, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale ha notificato la confisca dei beni al costruttore e immobiliarista Francesco Paolo Alamia, 84 anni, originario di Villabate (Pa). Passano allo Stato numerosi immobili e terreni, imprese, rapporti finanziari (con disponibilità di circa 900 mila euro) e autovetture, ''per un valore di oltre 15 milioni di euro''.
Catania, sequestrati 60 kg di marijuana $
Web
di Redazione
Un'auto che trasportava 60 chilogrammi di marijuana è stata intercettata da carabinieri del del nucleo operativo della compagnia di Catania Piazza Dante. La droga sequestrata, secondo stime degli investigatori, aveva un valore di mercato superiore ai 600mila euro. La sostanza stupefacente era su una Volkswagen Golf, scortata da una moto di grossa cilindrata con bordo due persone, che alla vista dei militari dell'Arma sono fuggiti. La vettura è stata trovata poco dopo abbandonata e col motore ancora acceso.
Stop alla scorta per l'imprenditore che denunciò il pizzo$
Web
di Redazione
''Non sono più in pericolo e la mafia è stata sconfitta? Bene. Per festeggiare invito tutti il 27 dicembre alle 18 davanti all'antica focacceria San Francesco a Palermo''. Lo dice ironicamente l'imprenditore Vincenzo Conticello, ex proprietario della negozio di specialità gastronomiche, testimone di giustizia e accusatore dei suoi estorsori, cui è stato comunicato il 14 dicembre scorso che a partire dall' 8 dicembre gli era stata revocata la scorta per "cessato pericolo".
Turista catanese in fin di vita dopo incidente d'auto in Kenia$
Web
di Redazione
Prosegue il percorso di cura che l’Azienda ospedaliera per l’emergenza Cannizzaro di Catania ha avviato per le due catanesi trasferite venerdì sera dal Kenya, dove lo scorso 6 dicembre sono state coinvolte in un incidente stradale. Dopo avere ricevuto la documentazione clinica dall’Aga Khan Hospital di Mombasa, i medici dell’ospedale Cannizzaro nelle ultime 48 ore hanno studiato le due pazienti attraverso approfonditi esami diagnostici e emesso un bollettino.
Gela, mamme si azzuffano durante la recita di Natale$
Web
di Redazione
La recita di Natale dei bambini della scuola elementare di contrada "Albani Roccella", a Gela, è finita con un fuggi-fuggi generale, stamani, per la rissa scoppiata tra due mamme che si contendevano il posto migliore per girare il video dello spettacolo cui partecipavano i propri figli, che recitavano sul palco vestiti da angioletti e da personaggi del presepe.
Advertisement
Advertisement