Palermo, associazioni dicono no ad hotspot migranti in città$
Web
di Redazione
Le associazioni Centro Pio La Torre, Laboratorio Zen Insieme, Donne di Benin City, l'Arci, il Comitato per la Casa e i sindacati Cigl, Cisl e Uil hanno incontrato questa mattina l'assessore regionale al Territorio e Ambiente, Salvatore Cordaro, per rappresentare la loro posizione contraria alla realizzazione di un hotspot per i migranti nel quartiere palermitano dello Zen. Nel corso dell'incontro le associazioni hanno ribadito come le periferie di Palermo vadano risanate a partire dai bisogni delle persone che le abitano, rilanciandone lo sviluppo locale e favorendo l'inclusione sociale. Hanno inoltre proposto che i 47 ettari del fondo San Gabriele sul quale dovrebbe essere realizzato l'hotspot siano trasformati in orti urbani da affidare ai cittadini per renderli fruttuosi e valorizzare l'area dal punto di vista ambientale, culturale e associativo.
Capolarato, migranti in schiavitù a pane ed acqua$
Web
di Redazione
Lavoravano per 3 euro all'ora nelle campagne di Marsala e di Mazara del Vallo, ricevevano pane duro a pranzo e a cena, venivano sfruttati anche per 12 ore al giorno. E' quanto sono stati costretti a subire diversi lavoratori immigrati, clandestini e regolari, reclutati da due agricoltori di Marsala (Trapani), padre e figlio, rispettivamente di 68 e 35 anni, arrestati oggi dalla Polizia di Stato di Trapani. I due sono finiti ai domiciliari su ordine del GIP di Marsala con l'accusa di sfruttamento della manodopera aggravato e in concorso. Il Giudice ha disposto anche il sequestro preventivo di due vigneti e di un vasto oliveto, di proprietà degli arrestati, dove venivano fatti lavorare gli immigrati.
Occupazione, alla Sicilia il prima dei
Web
di Redazione
“Nel 2016, in media il 24,3% dei giovani tra i 15 e i 29 anni non ha lavorato né studiato”. Lo rileva l’Istat nel report sulle ‘misure del benessere equo e sostenibile dei territori’. I cosiddetti Neet (‘not in education, employment or training’), spiega l’Istat, “sono il 17% al Nord, il 20,4% al Centro e il 34,2% nel Mezzogiorno, con evidenti differenze tra le province di tutte le aree geografiche”, raggiungendo valori tra i più elevati “nelle città metropolitane di Palermo (41,5%) Catania (40,1%), Messina (38,5%), Napoli (37,7%) e Reggio Calabria (36,8%)”.
Catania, uccise il compagno nel 2002 e simulò infarto: arrestata$
Web
di Redazione
Avrebbe assoldato un sicario per uccidere con un’iniezione letale il 10 dicembre del 2002 il compagno, l’imprenditore catanese Santo Giuffrida, di 60 anni, che si credeva morto per un infarto. E’ l’accusa contestata, a quasi 16 anni dal delitto, dalla Procura di Catania alla sua compagna 44enne, Barbara Bregamo, che avrebbe agito con tre complici. Per lei il Pm Marco Bisogni ha chiesto la condanna a 16 anni e 8 mesi di reclusione per omicidio volontario premeditato, in qualità di mandante, e a 10 anni per un suo presunto complice, Francesco Giuseppe Indorato, 50 anni, accusato di tentativo di omicidio. Il legale dei familiari della vittima, l’avvocato Eugenio De Luca, si è unito alla richiesta dell’accusa.
Digos in Municipio a Messina per controllo regolarità elezioni$
Web
di Redazione
La Digos e un magistrato della procura sono nel Municipio di Messina perchè ancora oggi, a quasi tre giorni dallo spoglio per le elezioni comunali, vi è incertezza per quanto riguarda il voto in 15 sezioni. Sul sito del comune sopra i risultati delle liste è scritto: ''Non sono presenti i dati delle sezioni 20, 47, 49, 57, 66, 77, 84, 87, 111, 116, 145, 166, 201, 222 e 241, perchè non rilevabili''.
Catania, approdata nave Diciotti con 932 migranti$
Web
di Redazione
E' arrivata nel porto di Catania la nave Diciotti della Guardia costiera con a bordo 932 migranti salvati durante sette operazioni di soccorso al largo della Liba. Nell'imbarcazione ci sono anche due cadaveri recuperati duranti gli interventi di salvataggio. Cinque dei migranti, quattro donne incinte e un minorenne, sono stati già trasferiti in ospedali siciliani di Agrigento e Palermo con elicotteri del 118, dopo un primo trasbordo a Lampedusa. Sul molo è pronto il personale per lo sbarco e sono presenti anche investigatori della squadra mobile della Questura delegati dalla Procura distrettuale di Catania a svolgere le indagini del caso.
Mafia, sei arresti nel palermitano$
Web
di Redazione
I carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monreale hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Palermo su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia, nei confronti di 6 persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata. Anche questa operazione - come le precedenti indagini dei Carabinieri denominate "Quattropuntozero" e "Montereale" - riguardano esponenti della famiglia mafiosa di Monreale. Tra marzo e ottobre 2016, erano stati tratti in arresto diversi esponenti al vertice del mandamento di San Giuseppe Jato.
Auto precipita dal Montepellegrino, due morti$
Web
di Redazione
Una Mercedes Classe A è precipitata dalla strada che si inerpica sul Montepellegrino, il promontorio che domina Palermo, finendo all'interno di una villa. A bordo due giovani, un uomo e una donna di 28 anni, che sono morti in seguito all'impatto. Il giovane è stato sbalzato fuori dall'abitacolo, mentre per liberare il corpo della ragazza è stata necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco.
Palermo, compra un gelato e ci trova un dito$
Web
di Redazione
Compra un cono gelato in un bar di Palermo e dentro ci trova un dito mozzato. La storia, pubblicata sul Giornale di Sicilia, è accaduta a un palermitano che ha immediatamente avvertito i carabinieri. I militari hanno interrogato proprietari e dipendenti del locale e hanno scoperto che uno degli impiegati si era tranciato di netto una falange mentre lavorava. Solo che nessuno si era preoccupato di cercare il pezzo di dito saltato.
Incassa assicurazione da moglie morte: il figlio lo denuncia$
Web
di Redazione
Avrebbe incassato 14.000 euro di un'assicurazione intestata alla moglie tre giorni dopo il suo decesso, esibendo la carta di identità della defunta e facendo firmare la quietanza a una donna che aveva spacciato per lei. E' l'accusa contestata a un vedovo di Catania che è stato denunciato dal commissariato Borgo Ognina per truffa e sostituzione di persona. La polizia ha indagato due dipendenti dell'agenzia per calunnia e falso ideologico.

 |  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395

Advertisement
Advertisement