ARS, procura apre inchiesta su spese
Web

ARS, procura apre inchiesta su spese

La Procura di  Palermo ha aperto un'indagine conoscitiva sulle spese dei gruppi parlamentari all'Assemblea regionale siciliana. Al momento non ci sono indagati né reati contestati. Si tratta di un fascicolo aperto secondo il cosiddetto 'modello 45' per fatti non costituenti notizie di reato.

L'inchiesta è stata aperta dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci in maniera autonoma e senza alcuna denuncia pervenuta ma per approfondire i capitoli di spesa riguardanti i fondi pubblici utilizzati dai gruppi parlamentari.
L'inchiesta, a quanto trapela da ambienti giudiziari, non riguarda i fondi riservati del Presidente della Regione siciliana. "Nell'indagine - spiegano gli inquirenti - non sono inclusi i fondi riservati di cui dispone il Governatore, tuttavia non è escluso che in futuro potremmo occuparcene ma in un altro contesto".

"Sono strasicuro che l'utilizzo dei fondi pubblici 'modello Lazio' da noi all'Ars non c'è mai stato - ha detto il presidente dell'Assemblea regionale siciliana Francesco Cascio - Mi aspettavo che la Procura aprisse un'inchiesta dopo quello che è successo nel Lazio, ma noi offriremo la massima collaborazione agli inquirenti". Francesco Cascio è il presidente dell'Ars uscente in vista delle elezioni regionali anticipate che si terranno il 28 ottobre.

A parlare è anche Raffaele Lombardo, che si è dimesso il 28 luglio dopo essere stato coinvolto in un'inchiesta antimafia. ''Non ho fatto sprechi negli anni in cui sono stato presidente della Regione siciliana, il mio tenore di vita è stato molto sobrio. Non bevo champagne e le ostriche mi fanno male - ha detto Lombardo - Non ho organizzato né lauti pranzi né cene, ho fatto sempre tutto alla luce del sole. Sono pronto a collaborare con gli inquirenti".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica