Ardizzone:
Web

Ardizzone: "Abbasseremo stipendi Ars"

Sì al tetto degli stipendi all’Assemblea regionale siciliana che si uniformerà al decreto Renzi. La conferma è arrivata dal presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, nel corso di una conferenza stampa in cui ha illustrato il piano presentato ai sindacati dei dipendenti di Palazzo dei Normanni.

“Lo so che non tutti sono contenti di come si farà la riduzione, ma è chiaro che noi andiamo alla ricerca di un consenso. Ai sindacati abbiamo fatto un appello - ha spiegato il presidente dell’Ars -. Siamo vincolati come tutti alla legge, alla Costituzione e allo Statuto della Regione siciliana. Questo è il parametro, il tetto massimo al quale entro il 31 luglio ci adegueremo”. Previsti tagli per gli stenografi (200 mila euro), i segretari (145 mila euro), i coadiutori (110 mila euro) e gli assistenti parlamentari (92 mila euro).

Ardizzone è tornato anche sull’argomento vitalizi per gli ex deputati condannati che, in queste ultime settimane, ha scosso e agitato le sale di Palazzo dei Normanni. "Sia per Cuffaro sia per altri 11 ex deputati è scattata la sospensione del vitalizio. Tra l'altro questi uffici hanno avviato l'iter per la verifica dei requisiti già a febbraio. Ma su questa vicenda stucchevole, vorrei ricordare che ciò che riguarda le pene accessorie è di pertinenza dello Stato. Il decreto Monti prevedeva la perdita del vitalizio per il consigliere regionale che fosse stato condannato per reati contro la pubblica amministrazione e questo avesse comportato la sospensione dai pubblici uffici. Abbiamo recepito questa norma. anche perché saremmo andati incontro a una sanzione. Non si estende ai condannati per reati di mafia? A questo pensi lo Stato".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica