Ars, Scilabra risponde alla Corsello:
Web

Ars, Scilabra risponde alla Corsello: "Nessuna pressione"

E' una vera e propria controrelazione ah hoc, quella presentata dall'assessore alla formazione, Nelli Scilabra, in risposta alle accuse mosse dall'ex dirigente generale dell'assessorato, Anna Rosa Corsello, sul flop del tanto vituperato click day: "Il Piano giovani messo a punto inizialmente dalla Corsello era estremamente sbilanciato verso gli enti di formazione. E si muoveva con grave ritardo, tanto è vero che più volte mi è stato segnalato dal ministero il rischio di perdere risorse".

L'assessore ha definito il dossier della Corsello "una ignobile infamia". La sintesi del suo intervento è che "tutte le scelte riferibili a Italia Lavoro e a Ett - le aziende coinvolte nel flop del Piano giovani - sono frutto della Corsello. A me sono solo riferibili scelte strategiche mentre è lei che ha curato adempimenti tecnici e modalità di attuazione del Piano", ha chiarito.

Intanto, su richiesta del ministero del Lavoro l'assessore ha annunciato che sarà revocato il bando pubblicato dalla Corsello il 18 agosto. La riunione è andata avanti fra le polemiche perchè il centrodestra avrebbe voluto interrompere la relazione dell'assessore visto che la Corsello non era presente. Tuttavia, l'ex dirigente ha inviato una nota in cui contesta di nuovo la ricostruzione dell'assessore e ricorda di aver chiesto ai magistrati che indagano sul caso di essere ascoltata per depositare altri documenti.

La Scilabra nel corso della sua audizione ha contestato poi la mozione di censura che M5S e Centrodestra sono in procinto di presentare. Mentre Italia Lavoro ha dato mandato ai propri legali di denunciare l'ex dirigente Corsello per alcune dichiarazioni in merito al ruolo della società pubblica nella gestione del clik day.

''La contro relazione dell'assessore Scilabra mi crea disagio perchè evidenzia una contraddizione di fondo: nella scorsa audizione, infatti, l'assessore non ha evidenziato le stesse contestazioni che avanza oggi, anzi, ha parlato di un clima di collaborazione, dove l'una e l'altra, assessore e dirigente, sapevano quali iniziative compiere e in piena consapevolezza. Siamo praticamente agli stracci in faccia, siamo in presenza di fatti senza precedenti che non fanno onore alla politica nè ai siciliani". Lo ha affermato, intervenendo in commissione Lavoro all'Assemblea regionale siciliana, il capo dell'opposizione di centrodestra a Sala d'Ercole, Nello Musumeci.

Poi rivolgendosi all'assessore ha aggiunto: "Avrebbe dovuto fare quello che i suoi predecessori hanno fatto dal 1947 ad oggi, assumersi la responsabilità politica di quanto avviene nel suo assessorato, questo non avrebbe assolto la dirigente generale dalle sue colpe. Oggi invece, con una sua autodifesa del tutto inopportuna, si scrive una pagina indecorosa della storia di questo parlamento".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca