Ars, cancellate città metropolitane: battuto Governo e maggioranza
Web

Ars, cancellate città metropolitane: battuto Governo e maggioranza

Colpo di scena all’Assemblea regionale siciliana, dove con voto segreto è stato approvato un subemendamento della riforma delle Province che cancella l’istituzione delle città metropolitane. Il subemendamento presentato dall’opposizione è stato approvato con 40 voti, a maggioranza. Subito dopo l’approvazione si sono sentite grida di giubilo dai banchi dell’opposizione. “E questo è solo l’inizio”, ha detto il capo dell’opposizione Nello Musumeci.

Inizia, così, tutta in salita per la maggioranza all’Assemblea regionale siciliana la strada della riforma delle Province. A partire dal voto segreto chiesto in aula. Così gli emendamenti soppressivi dell’articolo 1 della legge sull’abolizione delle Province non passano per soli sei voti. Un vero e proprio campanello d’allarme per la maggioranza.

In aula anche il presidente della Regione, Rosario Crocetta che al suo arrivo all’Ars ha parlato brevemente ai giornalisti: “Stiamo provvedendo alla proroga dei commissari delle Province, un atto che va fatto in ogni caso, confermeremo quasi tutti gli attuali commissari”. L’incertezza riguarderebbe l’attuale commissario di Trapani Darco Pellos, destinato a passare ad altro incarico. Crocetta ha poi proseguito: “Sui manager la prossima settimana contiamo di fare le prime nomine per poi completare successivamente il quadro”.

Positivo il giudizio del governatore dell’incontro avuto con il nuovo segretario regionale del Pd Fausto Raciti: “L’aria è cambiata, mi sembra che l’attuale segretario non pensi alle poltrone, non fa discorsi di potere. Ci siamo trovati d’accordo su molte cose, e dopo la chiusura della sessione sulle Province ci porremo con la compagine della maggioranza a rivedere un piano delle cose da fare in fretta. Se Renzi parla di una riforma al mese, non possiamo pensare di farne una in un anno. Adesso andremo avanti con la legge di semplificazione amministrativa”.

Sul rimpasto Crocetta “blinda” la posizione di Luca Bianchi: “Non scherziamo, mettere in discussione Bianchi significa pensare di vanificare strumentalmente ogni discorso”.

Intanto prosegue la discussione all’Ars. “Abbiamo perso ogni bussola del buon senso”, così conclude il suo intervento Giorgio Assenza sulla comunicazione, resa dall’assessore Patrizia Valenti, della proroga dei commissari. Interventi di analogo tenore sono stati svolti dai deputati Formica, Ioppolo e Figuccia.
“Dobbiamo avere un orizzonte chiaro, la inviterei presidente a dare ai capigruppo la possibilità di incontrarsi con il governo “. Così Musumeci che rileva, a proposito dei fatti nuovi rappresentati, la possibilità di un nuovo più sereno e compiuto percorso procedurale.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica