Bianco, la foto che scatena la polemica con un gestore di bene sequestrato per mafia
Web

Bianco, la foto che scatena la polemica con un gestore di bene sequestrato per mafia

Una promozione culturale per la città e un sequestro antimafia. A mettere insieme le due iniziative la foto del sindaco di Catania, Enzo Bianco, dell'assessore Orazio Licandro, e del gestore della discoteca Empire, Domenico Di Bella, per 'Strada degli artisti' promossa 5 cinque giorni da dal Comune, e i sigilli posti oggi al locale dalla polizia di Stato perchè ritenuto riconducibile al clan Pillera-Puntina. «In questi anni la Magistratura e le forze dell'Ordine - commentano dal Comune - hanno inflitto alla mafia colpi pesantissimi e l'Amministrazione ripone la massima fiducia nel loro operato e li sostiene. Per questo, se nella vicenda che ha portato al sequestro dei beni al boss del clan Pillera-Puntina Giacomo Maurizio Ieni, tra cui la discoteca Empire, ci sarà un rinvio a giudizio, ci costituiremo ovviamente e immediatamente parte civile».

«Per quanto riguarda l'inaugurazione della 'Strada degli artistì, avvenuta qualche giorno fa - sottolineano dall'Amministrazione - si ricorda che è stato un intervento di riqualificazione urbana al quale hanno concorso diversi soggetti, dall'Accademia di Belle arti, ad associazioni, a privati. E che questi privati non erano mai stati oggetto di provvedimenti da parte dell'Autorità giudiziaria». Di Bella si dice «sorpreso dall'iniziativa ed estraneo a qualsiasi contesto criminale», e con il suo legale, l'avvocato Attilio Floresta, annuncia ricorso contro il provvedimento. Il Prc siciliano invita «le figure istituzionali coinvolte a prendere atto delle loro responsabilità, così come la cosiddetta società civile che ha concorso alla elezione di una giunta fallimentare e screditata».Per Catania bene comune «il sindaco dovrebbe seriamente ragionare se esistono oggi le condizioni per continuare in maniera credibile l'attività amministrativa e l'assessore alla Cultura, Orazio Licandro, dovrebbe presentare le dimissioni dalla carica che ricopre. Non vogliamo mettere in dubbio la sua onestà - aggiungono dal movimento - ma l'eventuale 'buona fedè non lo giustifica». Fratelli d'Italia chiede «una spiegazione in Consiglio» perchè, rileva il coordinatore regionale Sandro Pappalardo, «occorre praticare la legalità e non predicarla».


«Non vi era alcuna diretta collaborazione sulle attività»: lo afferma l'assessore alla Cultura di Catania, Orazio Licandro, a proposito del sequestro dell'Empire. «L'amministrazione - aggiunge - ha chiuso al traffico e ha riqualificato una strada per permettere mostre e altre iniziative culturali che sarebbero state organizzate dall'Accademia di Belle Arti e da altre associazioni»

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca