Bimbi avvelenati ad Agrigento, c'è un indagato
Web

Bimbi avvelenati ad Agrigento, c'è un indagato

La Procura di Agrigento ha aperto un fascicolo per omicidio, dopo la morte a Naro di Sebastian Lupescu, un bambino rumeno di 5 anni, che l’8 marzo scorso insieme ai suoi fratellini (7 e 10 anni) aveva mangiato alcuni cioccolatini che erano stati lasciati davanti alla loro casa, dentro un sacchetto.

Il cibo conteneva un potente pesticida, trovato nel corpo del piccolo Sebastian e nel vino che era nel sacchetto insieme ai cioccolatini e a delle arance.Secondo gli investigatori il sacchetto con gli alimenti avvelenati con un erbicida era stato posto davanti all’abitazione appositamente per avvelenare la famiglia.
Il piccolo Sebastian effettivamente non ce l’ha fatta, mentre i suoi fratellini, Alexandro e Inonut, stanno meglio e sono fuori pericolo. La famiglia Lupescu è ben inserita a Naro ed è ben voluta dai vicini di casa, i quali, si erano adoperati per soccorrere i bambini, sentitisi male dopo aver mangiato il cibo avvelenato.

Le indagini dei militari dell'Arma del comando provinciale di Agrigento ipotizzano l'omicidio volontario. La tesi privilegiata è che l'obiettivo dell'avvelenatore non fossero i bambini e che il gesto volesse essere una "punizione", forse andata anche oltre le intenzioni, nei confronti di adulti, ma anche su questo fronte al momento mancano certezze. Gli investigatori hanno ascoltato e reinterrogato familiari, parenti e amici per avere un quadro delle dinamiche sociali, affettive e lavorative interne alla famiglia Lupescu e ai loro rapporti interpersonali, per non lasciare alcunchè di intentato. La famiglia, è emerso, è un nucleo "ben inserito" nel contesto sociale ed economico di Naro. Ben voluti dai vicini di casa, che sono stati i primi a prestare soccorso ai bambini insieme ai genitori dei piccoli, e nel quartiere. Un quadro complessivo che rende difficile trovare l'autore del folle gesto sul quale i genitori della vittima continuano a chiedersi "perché?".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca