Caltagirone, litigano e lui la picchia a sangue: arrestato 33enne
Web

Caltagirone, litigano e lui la picchia a sangue: arrestato 33enne

Litigano in un locale e poi arrivati a casa la riempie di botte rompendole il naso, la mascella e provocandole traumi all’addome e all’orecchio. Con l’accusa di lesioni personali gravi i carabinieri hanno arrestato, su decreto di fermo firmato dal pm del Tribunale di Caltagirone il 33enne, calatino, Alessandro Furnari. La vittima è una donna di 29 anni originaria della provincia di Como che si è presentata all’ospedale di Caltagirone con vistosi ematomi al volto e copiose perdite di sangue dal naso.

La donna, in evidente stato di choc, sentita dal personale sanitario e dai militari dell’Arma del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Caltagirone, non ha subito raccontato come siano andate le cose ed ha detto ai militari di essere in vacanza nel Calatino e di essrrsi procurata le lesioni cadendo rovinosamente a terra e di essere stata soccorsa in strada da uno sconosciuto che l’aveva accompagnata in Ospedale. Ma i carabiniei non le hanno ovviamente creduto e sono risaliti quasi subito a Furnari che ha peraltro dei precedenti per rissa aggravata, lesioni personali, porto illegale di armi e altro.

L’uomo, sollecitato dai carabinieri, ha detto di aver ospitato l’amica e che, la stessa, durante la notte era andata da sola in ospedale dopo essersi procurata delle ferite al volto cadendo sul pavimento di casa. Ma la perquisizione dell’appartamento evidenziava ha visto però sul pavimento, sul muro della cucina nonché sul divano, la presenza di diffuse macchie di sangue. Alla fine la verità è venuta fuori: Furnari durante la notte, al culmine di una lite, aveva ripetutamente colpito la poveretta al volto con pugni e schiaffi scaraventandola in seguito fuori dall’appartamento e lanciandole in strada tutti gli effetti personali. L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Caltagirone.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca