Catania, Gomez:
Il papu Gomez

Catania, Gomez: "Il Catania gioca bene, tutto il resto è invidia"

A Torre del grifo si aprono le porte della sala stampa. In seguito alla sconfitta con la Juve, a rilasciare le sue dichiarazioni uno tra i protagonisti di sempre, Alejandro Gomez. Il talento argentino amareggiato dal risultato negativo, commenta a freddo la performance messa in campo contro i bianconeri, concludendo con delle affermazioni sulla gara contro l'Udinese: “Nei minuti finali ci capita spesso di perdere forse la concentrazione ma nell'ultimo incontro credo sia stato un caso. Mi dispiace molto perché non si può tornare indietro, siamo stati un po’ sfortunati. Il goal è stato colpa nostra- commenta l'argentino- però prima dell’azione c’è stato un fallo pericoloso su Castro che se fosse stato fischiato non avrebbe portato questo risultato. La partita è stata difficile, la Juve gioca bene ma credo che sia stata decisamente aiutata da determinate situazioni che io stesso ritenevo incomprensibili. Penso che l’arbitro abbia gestito questa partita a favore della Juventus. Io ho subito un giallo per simulazione con duemila euro di multa.
Adesso pensiamo alla partita contro l'Udinese, mi auguro che il pubblico ci sostenga e che il Catania riesca ad ottenere un risultato positivo. E’ una partita importante perché se vinciamo possiamo continuare a lottare per l’Europa League. Speriamo che lo stadio sia pieno come la gara sostenuta contro l’Inter. Giocare in casa ci dà grande motivazione, così come le parole dette da Guidolin. Io credo che sia un grande allenatore ma deve preoccuparsi della sua squadra e non del Catania. La verità è che stiamo facendo un buon campionato e questo non va giù a molti. Sabato dovremo essere intelligenti a non lasciare spazi. Di solito quando giochiamo in casa non molti riescono a batterci perchè siamo sempre molto motivati. A livello mentale abbiamo tanta voglia di riprenderci, siamo consapevoli di aver perso dei punti importanti sia con l’Inter che con la Juve, quindi adesso dovremo vincere a tutti i costi. Se potessi scegliere quale partita rigiocare direi l’Inter perché era una partita che avevamo in pugno e che ci siamo fatti strappare dalle mani.Quanto è importante la presenza di Bergessio? Quando scendiamo in campo senza Bergessio cambia molto lo schema di gioco, lui è un attaccante puro, lotta con tutti e riesce sempre a trovare una soluzione. L’assenza di Bergessio pesa molto, soprattutto perché io e Lucas comunque non siamo delle punte e quindi facciamo fatica. Nessuno di noi però si tira indietro e questo l'importante".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio