Catania, Sannino: "Nelle difficoltà si può fare l'impresa"

Catania, Sannino: "Nelle difficoltà si può fare l'impresa"

Si sono aperte oggi alle ore 15:00 le porte della sala stampa di Torre de Grifo Village per accogliere le prime dichiarazioni pre-gara del neo mister rossazzurro Sannino. Il tecnico in vista della gara di domani contro il Modena, ha risposto alle domande dei giornalisti.

“Questa settimana è andata come doveva andare, sicuramente tre giorni non servono a cambiare molte cose. C’è ancora la mano di Pellegrino, c’è la situazione di una squadra che sa delle aspettative di tutti e quindi di dover cambiare le sorti di questo campionato. Mi auguro che da parte loro ci sia la volontà di cambiare l’atteggiamento. Io personalmente chiedo questo. Il mio compito è quello di dare una identità a dei giocatori che devono dire la loro, sapendo che c’è una persona vicina che li aiuta. Noi dobbiamo vincere a tutti i costi, poi alla fine se diamo il massimo in campo non possiamo deludere. Se vogliamo fare qualcosa di più dobbiamo pensare a ciò che si è fatto prima.Domani usciamo dalla gabbia come un branco”.

“Il Modena ha un allenatore di un certo carattere e con una esperienza valida. La squadra ha il vantaggio di giocare già da due anni insieme ma anche noi abbiamo una cosa a nostra a favore, ovvero la consapevolezza che non può continuare così. Io so che tutti vogliono capire come si schiererà in campo il Catania, se Rosina riuscirà ad andare avanti e stare più vicino alla porta avversaria però adesso l’importante è avere ordine ed equilibrio. Tutti devono sacrificarsi. Dobbiamo lavorare come una squadra che deve diventare la migliore. Oggi queste sono parole ma mi auguro che possano seguirsi con i fatti. Nelle difficoltà si può fare l’impresa. La cosa fondamentale sarà riuscire a non prendere goal. Anania? E’ un giocatore che sa giocare e sa comunicare con i suoi compagni di reparto, io sono fiducioso”.

“Sono venuto in una piazza importante, tutti si aspettano un risultato solo. Io so che il campionato è ancora lungo, tutti i risultati in cui non perderemo punti saranno importanti. Questo è un momento dove noi dobbiamo capitalizzare e trovare una striscia positiva. Io mi sento già contagiato dalla gente e da ciò che percepisco. Personalmente sono un allenatore da battaglia, difficilmente sto fermo in panchina e spero che voi capiate che non ci sono contromisure per una partita o per un giocatore ma un lavoro alle spalle per poter essere un reparto. Il giorno che noi riusciremo ad giocare come una squadra in cui 10 giocano contro chi ha la palla allora risaliremo su”.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio