Catania-Sassuolo: presentazione della gara
Jaroslav Plasil, perno della mediana etnea

Catania-Sassuolo: presentazione della gara

De Canio alla prima
Pagina nuova. Il capitombolo col Cagliari oltre ad accentuare la posizione in classifica degli etnei (terz’ultimi insieme al Sassuolo) ha scatenato un inatteso terremoto in panchina: via Rolando Maran, il tecnico dei record, dentro Gigi De Canio, specialista in salvezze. Un cambio, come detto, imprevisto che giunge proprio alla vigilia di un trittico infuocato. In sette giorni gli etnei dovranno affrontare il Sassuolo al “Massimino” (match dai chiari tratti di spareggio, vista la classifica), Juventus (mercoledì 30 ottobre) e Napoli (domenica 3 novembre ) in trasferte. Tre gare una più complicata dell’altra, da affrontare col piglio giusto, con aggressività, con determinazione, con cuore e con entusiasmo; qualità che nelle prime otto partite si sono viste raramente. Proprio per questo il match contro i neroverdi rappresenta uno spartiacque importantissimo per la stagione rossazzurra. Incamerare i tre punti contro gli emiliani, oltre ad incamerare tre punti preziosissimi, sarebbe per gli etnei un’iniezione di fiducia ed ottimismo indispensabile per superare questo periodo critico. Nessuna testa fasciata, ma solo sostegno, sostegno ed ancora sostegno per tutti i novanta minuti di gara, recupero compreso. Il campionato 2013/14 del Catania parte domenica 27 ottobre. Pagina nuova, da scrivere con mano ferma e decisa. -35 all’Alba: “Siate affamati, siate folli, siate umili, siate elefanti!”

Inseguendo la storia
Dopo lo storico successo nel derby emiliano contro il Bologna, il primo dei neroverdi in serie A, il Sassuolo ‘scende’ al “Massimino” di Catania con gli stessi punti degli etnei e con l’obiettivo di conquistare la prima (storica) affermazione esterna in massima serie. Storia su storia per i ragazzi di Di Francesco che, dopo le sette scoppole rimediate dall’Inter, hanno trovato una compattezza insperata. Adattamento a dir poco devastante per una matricola che, dopo aver dominato lo scorso campionato cadetto (tuttavia vinto soltanto all’ultimo respiro), ha trovato (e trova tutt’ora) diverse difficoltà in una serie mai assaporata in precedenza. Tutto secondo copione. Trovata la via per la mentalità giusta (meno sbarazzini e più concreti) il Sassuolo al buon gioco, sciorinato in diverse esibizioni, riesce adesso ad abbinare anche la concretezza (i punti). La sfida contro il Catania rappresenta un banco di prova importante per testare i miglioramenti dimostrati nelle ultime settimane. Vita da matricole…

Difesa (in emergenza) da inventare
Per il debutto sulla panchina rossazzurra mister Gigi De Canio dovrà fare conti con un’autentica emergenza, soprattutto nel reparto arretrato. Difesa priva di ben sette pedine: Legrottaglie ed Alvarez squalificati, Spolli, Monzon, Bellusci, Peruzzi e Cabalceta non al meglio della condizione fisica. Tra i non convocati figura anche l’under21 Boateng. Per quanto riguarda l’undici da opporre al Sassuolo, il tecnico di Matera dovrebbe optare per il classico 4-3-3, con una difesa inedita. In porta dovrebbe rientrare Andujar; in difesa capitan Izco sulla destra, Biraghi sulla sinistra, Gyomber e Rolin al centro; in mediana spazio a Plasil, Tachtsidis e uno tra Almiron e Guarente, con l’argentino favorito; tridente offensivo composto da Barrientos, Bergessio e Castro.

Rientra Magnanelli
All’emergenza rossazzurra corrisponde una certa abbondanza tra i neroverdi. Per il match del “Massimino” mister Di Francesco sarà privo di quattro elementi: Gomes, Valeri, Terranova e Masucci. Al rientro il centrocampista Magnanelli, reduce da un turno di squalifica. Per quanto concerne il modulo di gioco, confermato il solito 3-5-2 con ben due ex rossazzurri (Bianco e Schelotto) in campo: Pegolo tra i legni; Antei, Bianco ed Acerbi in difesa; Schelotto, Kurtic, Marrone, Magnanelli e Longhi a centrocampo; Floro Flores e Berardi coppia offensiva. In panchina l’altro ex rossazzurro Gazzola.

Probabili formazioni
CATANIA(4-3-3): Andujar; Izco, Gyomber, Rolin, Biraghi; Plasil, Tachtsidis, Almiron (Guarente); Castro, Bergessio, Barrientos. A disp.: Frison, Capuano, Ficara, Guarente, Maxi Lopez, Keko, Freire, Leto, Petkovic. All: De Canio

SASSUOLO(3-5-2): Pegolo; Antei, Bianco, Acerbi; Schelotto, Kurtic, Marrone, Magnanelli, Longhi; Floro Flores, Berardi. A disp.: Pomini, Rosati, Pucino, Gazzola, Marzorati, Rossini, Chibsah, Missiroli, Laribi, Ziegler, Alexe, Farias, Zaza. All: Di Francesco

ARBITRO: Tommasi di Bassano del Grappa; Peghorin-Giachero; IV Preti; ADD Ciampi-Pairetto

INDISPONIBILI: Spolli, Monzon, Peruzzi, Bellusci, Boateng e Cabalceta; Gomes, Valeri, Terranova, Masucci

SQUALIFICATI: Legrottaglie ed Alvarez;

DIFFIDATI: Spolli

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio