Catania-Trapani: un pubblico…da Serie A!
Nino Russo
La coreografia della Curva Nord a inizio gara

Catania-Trapani: un pubblico…da Serie A!

La delusione non è ancora passata, inutile negarlo. Le speranze di promozione diretta quasi irrimediabilmente perdute; le chances di piazzamento al secondo posto – il migliore, in ottica playoff – gravemente complicate. Non era certo questo ciò che si aspettavano i 18.711 cuori rossazzurri che lunedì sera hanno assistito al “Massimino” alla partita di cartello col Trapani. Se Biagianti e compagni, sul campo, hanno fallito l’obiettivo, i tifosi sugli spalti sono stati i veri vincitori morali della serata. E, soprattutto, hanno fissato un record difficilmente battibile, a questi livelli…e non solo.

LA TIFOSERIA ETNEA REGINA DELLA SERIE C 2017/18
L’affluenza di Catania-Trapani del 23 aprile 2018 è la più alta non solo del girone C, ma dell’intera stagione di Serie C 2017/18. “Scippato” il primato al pubblico leccese, che aveva riempito con 16.838 unità il “Via del Mare” in occasione dello scontro diretto con gli etnei. Ciò che però per il Catania è una regola, testimoniata dalla media di 10.432 spettatori e dal fatto che il muro dei 10.000 è stato sfondato in ben sette occasioni (Fidelis Andria, Monopoli, Sicula Leonzio, Catanzaro, Casertana, Juve Stabia e, appunto, Trapani), per il Lecce è meno frequente. I salentini vantano una media di 9.562 tifosi al seguito ed hanno superato i 10.000, scontro diretto a parte, soltanto nelle gare contro Cosenza, Siracusa e Racing Fondi.
Numeri inavvicinabili per tutte le altre concorrenti del medesimo girone, protagoniste di medie che non vanno oltre le 4.000 unità e di “picchi” al di sotto dei 7.000 nei singoli incontri. Le stesse considerazioni valgono per i gironi A e B, caratterizzati da medie di affluenza piuttosto basse e da un unico exploit al di sopra dei 10.000, registrato dal Vicenza in occasione del derby col Padova (11.510 presenti). Proprio il Padova, dominatore del proprio girone e già matematicamente promosso in B, ed il Livorno, altra capolista d’annata, sono stati seguiti da poco più di 9.000 spettatori nei match più sentiti (rispettivamente il derby col Vicenza e quello col Pisa), registrando una media superiore ai 5.000 (in pratica, la metà di quelle delle big meridionali).

TOP FIVE AFFLUENZA SERIE C 2017/18
1) Catania-Trapani (18.711)
2) Lecce-Catania (16.838)
3) Catania-Sicula Leonzio (14.090)
4) Catania-Juve Stabia (13.953)
5) Lecce-Siracusa (11.525)

TOP FIVE MEDIA PUBBLICO SERIE C 2017/18
1) Catania (10.432)
2) Lecce (9.562)
3) Vicenza (7.293)
4) Pisa (6.579)
5) Livorno (5.669)

PRIMATO ASSOLUTO DELLE ULTIME TRE STAGIONI DEL GIRONE C
Il record della tifoseria della squadra dell’Elefante resiste anche se confrontato con le affluenze delle partite del girone C di terza serie delle ultime due stagioni, ovvero quelle alle quali il Catania ha preso parte. Battuto, in particolar modo, il tetto dei 18.426 raggiunto dal Messina in occasione del derby coi rossazzurri del 15 novembre 2015. Anche in quel caso si era trattato di una gara in cui non erano validi gli abbonamenti del pubblico di casa, ma giova rilevare che la società peloritana – contrariamente all’attuale dirigenza etnea – aveva organizzato una massiccia campagna mediatica.
A seguire, troviamo lo scontro promozione Lecce-Foggia del girone d’andata 2016/17, seguito da 17.254 tifosi al “Via del Mare”, e la festa promozione del Foggia, celebrata allo Zaccheria il 30 aprile 2017 contro il Melfi, una settimana dopo la conquista matematica della vetta (16.664 presenti). Eccezion fatta per altri due incontri della squadra rossonera nella scorsa stagione (contro Lecce e Reggina), in questi tre anni non si sono registrati altri match seguiti da più di 15.000 spettatori.

TOP FIVE AFFLUENZA SERIE C – GIRONE C DAL 2015/16 AL 2017/18
1) Catania-Trapani 2017/18 (18.711)
2) Messina-Catania 2015/16 (18.426)
3) Lecce-Foggia 2016/17 (17.254)
4) Lecce-Catania 2017/18 (16.838)
5) Foggia-Melfi 2016/17 (16.664)

Una panoramica della tifoseria del Messina durante il derby col Catania del novembre 2015 



PUBBLICO DA SERIE B “ALTA” CHE NON SFIGURA NEANCHE AL COSPETTO DELLA MASSIMA SERIE
I 18.711 supporters catanesi tengono testa persino alle tifoserie delle squadre delle categorie superiori. In Serie B, in questa stagione, soltanto il Bari è riuscito a far meglio, peraltro in due sole occasioni: l’attesissimo derby col Foggia, che mancava da 21 anni ed ha fatto registrare ben 33.567 paganti, e la sfida casalinga col Palermo, alla quale hanno assistito più di 21.000 unità. In tutti gli altri match, nonostante la grande capienza del San Nicola e la notoria passione dei galletti, si è rimasti al di sotto del dato emerso al “Massimino” lo scorso lunedì. In virtù di ciò, nella classifica congiunta di Serie B e C l’affluenza di Catania-Trapani è la terza più alta del 2017/18.
Per quanto riguarda la media, a parte il “solito” Bari (che primeggia con 16.010 unità), soltanto Cesena, Foggia e Parma superano quota 10.000 e precedono il Catania in questa congiunta classifica virtuale. E il Palermo? Impietosi, se paragonati, i dati relativi alla tifoseria rosanero, raffreddata dai rapporti ai minimi termini col patron Zamparini: media di 7.778 tifosi e record di 15.121 nello scontro ad alta quota col Frosinone.

TOP FIVE AFFLUENZA SERIE B E SERIE C 2017/18
1) Bari-Foggia (33.567)
2) Bari-Palermo (21.671)
3) Catania-Trapani (18.711)
4) Bari-Pescara (18.526)
5) Bari-Cesena (17.950)

TOP FIVE MEDIA PUBBLICO SERIE B E SERIE C 2017/18
1) Bari (16.010)
2) Cesena (11.717)
3) Foggia (11.206)
4) Parma (11.143)
5) Catania (10.432)

Volgendo lo sguardo alla Serie A, Benevento, Cagliari, Crotone e Spal cedono il passo al pubblico del vecchio Cibali per motivi di capienza limitata dei rispettivi impianti. Ma anche altre squadre dalle maggiori potenzialità sotto il profilo dell’affluenza non riescono a far meglio del Catania al di fuori delle sfide contro le cosiddette “strisciate” (o con altre big come Napoli e Roma) che, com’è noto, richiamano una platea più vasta di quella consuetudinaria. E’ il caso di Atalanta, Verona, Udinese, Chievo e Sassuolo.

INFERIORI SOLTANTO ALLE PARTITE DI CARTELLO DELL’ULTIMO ANNO DI SERIE A
I tifosi etnei, oltre a segnare il loro primato per quanto concerne gli ultimi anni in terza serie, sono riusciti a battere le loro “performances” dell’ultima stagione vissuta in Serie B (2014/15). In quell’annata il record fu fissato in occasione del derby salvezza col Trapani dell’11 aprile 2015 (poi entrato nell’inchiesta de “I treni del gol”), al quale assistettero 17.271 spettatori.
Per ritrovare un “Massimino” così pieno (o ancor di più), dobbiamo tornare indietro ad un altro 4-1, quello rifilato alla Roma nella penultima gara casalinga di Serie A il 4 maggio 2014, davanti a 19.028 tifosi (a dispetto dello sciopero proclamato quel giorno dai gruppi organizzati della Curva Nord). Nella stessa stagione, soltanto in altre due circostanze (le sfide contro Inter e Juventus) l’affluenza dell’impianto di Piazza Spedini fu maggiore rispetto a quella dello scorso Catania-Trapani. Un dato, questo, che insieme agli altri già analizzati non fa altro che evidenziare la grande rilevanza di una serata che, al di là dell’amaro esito, è destinata a rimanere nella storia della tifoseria rossazzurra.

TOP FIVE AFFLUENZA CATANIA DAL 2013/14 AL 2017/18
1) Catania-Juventus 2013/14 (19.945)
2) Catania-Roma 2013/14 (19.028)
3) Catania-Inter 2013/14 (18.821)
4) Catania-Trapani 2017/18 (18.711)
5) Catania-Sampdoria 2013/14 (18.555)

4 maggio 2014, Catania-Roma: Bergessio realizza il momentaneo 3-1 



N.B.: per la realizzazione di quest’articolo è risultata indispensabile la consultazione del portale StadiaPostcards.com

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio