Catania, assalto alla posta del quartiere Picanello
Web

Catania, assalto alla posta del quartiere Picanello

Scene probabilmente mai viste prima quelle che si sono verificate nella notte tra domenica 26 e lunedì 27 luglio a Catania nel popoloso quartiere di Picanello. Degli ignoti, infatti, hanno preso d'assalto la posta di via Galatioto sfondando addirittura le pareti degli uffici postali attraverso l'utilizzo di un escavatore.

I delinquenti hanno letteramente divelto uno dei muri della posta di Picanello arrecando dei seri danni anche alle auto posteggiate ed ai balconi del primo piano dell'edificio abitato da civili. L'escavatore è stato trasportato nottetempo per mezzo di un autoarticolato che è stato posizionato al centro della strada, bloccandone la circolazione. I malviventi hanno poi aperto una breccia la parete che si affaccia su via Maria Gianni, all'angolo con via Galatioto, laddove era collocato un bancomat.

L'assalto alla posta di Picanello ha generato un enorme boato che ha allarmato i residenti della zona, i quali si sono immediatamente riversati in strada per comprendere cosa stesse accadendo. Poco dopo l'accaduto sul posto di sono recate diverse volanti di Polizia e Carabinieri, accompagnate dai mezzi dei vigili del fuoco di Catania. In breve tempo l'area è stata isolata e le forze dell'ordine hanno effettuato le rilevazioni di rito.

Quello di Picanello è uno dei quartieri maggiormente esposti al rischio criminalità nella città di Catania. La zona, inoltre, è nota per essere il quartiere generale dei Santapaola e dei Ceusa, tra le più attive cosche mafiose del capoluogo etneo.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca