Catania, pretendeva mazzette: arrestato ex finanziere
Web

Catania, pretendeva mazzette: arrestato ex finanziere

Intascava tangenti in cambio di trattamenti di favore in materia di controlli fiscali. È questa l’accusa nei confronti di F.G., un ex ispettore della guardia di finanza, oggi in pensione, arrestato da quelli che fino a pochi giorni fa erano i suoi colleghi.

I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria del Comando provinciale di Catania, coordinati dalla Procura, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere seguita alle indagini con le quali “è stato fatto emergere il comportamento criminoso dell’accusato”. L’uomo, in occasione di due controlli fiscali avvenuti a cavallo tra il 2012 e il 2013, avrebbe percepito indebitamente 20 mila euro (10 mila per ogni verifica) in cambio della promessa di un occhio di riguardo nei confronti dei perquisiti.

L’ex finanziere avrebbe agito in concorso con un altro ispettore della Finanza, già arrestato a fine 2014. Nella vicenda, però, sarebbero implicate altre persone, perlopiù professionisti, che avrebbero agito come intermediari tra i pubblici ufficiali e i referenti delle aziende interessate dai controlli, destinatari oggi di avvisi di garanzia in merito alle suddette corruzioni. Gli inquirenti non escludono che entrambi si muovessero all’interno di un sistema più ampio e rodato, comprendente un vasto numero di aziende ed esercenti che avrebbero accettato di pagare il particolare ‘obolo’ al fine di tutelare in maniera illecita gli interessi delle proprie società.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca