" /> " />
Catania, rimborsi indebiti: indagato Manlio Messina
Web

Catania, rimborsi indebiti: indagato Manlio Messina

Manlio Messina, consigliere comunale di centrodestra di Catania è indagato per truffa aggravata nell’ambito di una inchiesta della Procura della Repubblica etnea con l’accusa di avere, attraverso la simulazione del rapporto di lavoro ottenuta con il concorso dei titolari dell’azienda, ottenuto indebiti rimborsi dal Comune. L’indagine si è svolta nel 2013.

I fatti contestati risalgono al biennio 2011-2012. Nell’ambito dell’indagine i militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Catania hanno eseguito nei suoi confronti e in quelli di due titolari di una società del catanese, suoi datori di lavoro, un sequestro di beni per un ammontare di 45 mila euro.

Pronta la replica di Messina: "Preme anzitutto precisare che non è stato eseguito alcun sequestro su beni di mia proprietà. Pur conoscendo allo stato i contenuti dell’indagine a mio carico solo per grandi linee, sono assolutamente sereno e ho piena fiducia nella magistratura, avendo realmente lavorato per la società Pri.Bel, che ha visto quadruplicare sotto la mia direzione commerciale il proprio fatturato. Sono dunque in grado di dimostrare realmente l’attività svolta e la correttezza delle procedure avviate dall’azienda per l’erogazione dei rimborsi da parte del Comune di Catania".

"In tal senso - continua Messina -, ritengo doveroso precisare che questi ultimi sono stati richiesti solamente per 14 mesi, a fronte dei complessivi tre anni in cui ho prestato la mia attività lavorativa e che le somme erogate dal Comune di Catania non ammontano ad euro 45.000, bensì a circa euro 30.000. Si tratta, in ogni caso, di rimborsi richiesti ed erogati nella sussistenza dei presupposti di legge, sì come previsti dall’art. 20 della legge regionale n. 30 del 2000".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica