Catania: suicida bancaria, operaio perde il lavoro e salvato in extremis
Web

Catania: suicida bancaria, operaio perde il lavoro e salvato in extremis

Giornata drammatica a Catania dove disperazione e lavoro hanno fatto da contorno a due ordinarie storie di vita, ahinoi, ormai quotidiana. Un’impiegata di banca si è suicidata e un operaio da poco licenziato ha tentato di impiccarsi ed è stato salvato.

La suicida, che aveva 46 anni e lavorava a Mediocredito Centrale, si è lanciata dalla sua casa al sesto piano di un palazzo di via Luigi Sturzo, dove è stato ritrovato un suo biglietto indirizzato alla famiglia. Sembra che la donna negli ultimi tempi avesse accusato stati di stress.

La polizia ha avviato un’indagine per stabilire le cause del suicidio. Salvato in extremis invece un operaio di 42 anni che pochi giorni fa era stato licenziato dalla società Multiservizi e recentemente si era separato dalla moglie. Ha cercato di impiccarsi, ma prima ha chiamato il 112 per avvertire del suo gesto e i carabinieri sono arrivati subito nel suo appartamento, e lo hanno liberato dal cappio che lo stava già soffocando.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca