Clonavano bancomat a Catania, arrestati due bulgari
Web

Clonavano bancomat a Catania, arrestati due bulgari

Clonavano carte bancomat le due persone arrestate questa mattina dalla polizia a Catania dopo aver piazzato un dispositivo skimmer, che serve per clonare carte bancomat, presso lo sportello ATM di un istituto di credito del capoluogo etneo.

I due, cittadini bulgari di 40 e 29 annui, sono stati pedinati e bloccati dalla polizia postale delle comunicazioni e dagli agenti della questura subito dopo aver inserito lo skimmer, un duplicatore di dati di ultima generazione, e una microcamera nascosta dotata di rilevazione dei suoni per risalire al codice pin dei bancomat.

Gli indagati si presentavano muniti di diversi cappelli agli sportelli ATM per nascondere il viso dalle video riprese della telecamere di sicurezza. Avevano giàeffettuatio divrsi sopralluoghi presso banche della provincia. Gli skimmer usati erano così piccoli da essere piazzati i modo quasi invisibile negli ATM. I dati imemssi dagli ignari clienti venivano così immagazzinati all’interno di una memoria e poi riutilizzati.

I bancomat clonati, secondo gli investigatori, sarebbero poi serviti per prelievi e transazioni illecite all'estero. Gli arrestati avevano in tasca banconote tailandesi prelevate in Tailandia, dove uno degli di loro era stato recente usando carte bancomat e di credito clonate però in Sicilia.

Gli accertamenti della polizia postale di Catania sui due sospetti erano iniziate da tempo, entrambi sono considerati parte di un'organizzazione internazionale con una base operativa all'estero.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca