Continuano controlli alimentari: irregolarità in tre famosi ristoranti catanesi
Web

Continuano controlli alimentari: irregolarità in tre famosi ristoranti catanesi

Continuano i controlli nel mondo della ristorazione catanese, con il controllo di tre noti locali etnei: i ristoranti Pititto e Nero Licuti, entrambi nel borgo marinaro di San Giovanni Li Cuti, e la pizzeria Gisira sita nell’omonima via del centro. La task-force per i controlli, coordinata dal questore Salvatore Longo, ha inoltre scoperto e sequestrato un deposito abusivo di pesce in piazza Sciuti, nei pressi del mercato di piazza Carlo Alberto. Una sanzione amministrativa da 5mila euro, sempre in piazza Sciuti, è stata elevata ai proprietari di una rivendita abusiva di frutti di mare denominata Da Nitto e figli, mentre ammontano ad oltre 14mila euro le sanzioni elevate ai ben più noti locali.

Una sanzione salata, diecimila euro, è stata elevata ai proprietari del Pititto, che aveva al suo interno due lavoratori irregolari. All’interno dei locali il personale dell’ufficio Prevenzione generale e Soccorso pubblico della Questura, il personale dell’Asp 3 di Catania, dell’Inail e della polizia municipale, pur non avendo rilevato irregolarità nella tenuta degli alimenti, hanno sequestrato 30 chilogrammi di tonno rosso privo delle dovute dichiarazioni sulla tracciabilità della provenienza. Inoltre sono state contestate alcune irregolarità nella struttura, relativamente alla mancanza dei requisiti urbanistici per la veranda a vetri utilizzata per accogliere i clienti, a modifiche dei locali nella cucina e all’occupazione del suolo pubblico abusiva, per una piattaforma in legno posta in strada, e sulla quale venivano fatti accomodare i clienti.

E’ andata meglio al ristorante Nero Licuti: una sanzione di 1500 euro relativamente, all’occupazione abusiva di suolo pubblico, e ad alcune modifiche strutturali al locale. Anche in questo caso, nessuna irregolarità nella conservazione degli alimenti.

Rilievi sulla non corretta somministrazione dei prodotti surgelati sono stati fatti al titolare della pizzeria Gisira, sita nell’omonima via del centro storico. Alla sanzione totale, da 3mila euro, hanno concorso anche la presenza di due lavoratori non regolarmente assunti, e l’utilizzo di una sala adibita a locale di sgombero per accogliere i clienti, e un locale bar non autorizzato.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca