Crocetta, "Le tasse pagate in Sicilia restano in Sicilia"
Web

Crocetta, "Le tasse pagate in Sicilia restano in Sicilia"

"Da oggi le imprese che operano in Sicilia pagheranno le tasse in Sicilia. Uno dei sogni dei padri dello Statuto siciliano e degli autonomisti trova attuazione su proposta della regione siciliana”. Con queste parole il governatore della Regione Sicilia, Rosario Crocetta ha aperto la conferenza stampa a Lipari.

Crocetta, in una affollata aula consiliare, ha parlato della sua missione per l'abbattimento dei costi della politica e quindi della sprechi mantenendo inutilmente status quo che nuociono alle casse regionali. Novità anche per quanto riguarda le isole minori Crocetta ha anche annunciato che nei prossimi giorni a Palermo organizzerà un incontro con tutti i sindaci di queste realtà: "la mia giunta - ha puntualizzato - ha già approvato un disegno di legge per il loro rilancio e con i primi cittadini di questi arcipelaghi, intendiamo raggiungere una unità di intenti su sviluppo di trasporti, scuole, sanità e gestione dei rifiuti".

"Sono in uno dei luoghi più belli ed è evidente che con tutte le nostre forze ci adopereremo per rilanciare questi posti incantevoli", ha affermato Stancheris. "Lo scorso anno - ha osservato il sindaco Giorgianni - tra Regione e Stato, i tagli al comune sono stati di 2 milioni di euro e si è dovuta aumentare la pressione fiscale sui cittadini con addizionale Irpef e Imu". Se sarà approvata la legge sul ticket di sbarco tale pressione potrà nuovamentge essere abbattuta.

L'assessore Stancheris che ha fatto il suo esordio alle Eolie, isole che - ha detto - conosce per averle frequentate passerà la prossima settimana ad "ascoltare e studiare". Martedì ad esempio incontrerà gli albergatori per disegnare una programmazione condivisa. Stancheris punterà molto, tra l'altro, sulla rete internaizonale della promozione per il turismo in Sicilia.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica