Crolla un ponte tra Ravanusa e Licata: sei feriti
Web

Crolla un ponte tra Ravanusa e Licata: sei feriti

Un ponte fra Ravanusa e Licata, lungo la statale 626, è crollato stamane per cause ancora in fase di accertamento. Due auto sono precipitate di sotto; altre vetture sono state coinvolte in incidenti a catena, nel tentativo di arrestare la marcia. Sul posto sono intervenuti carabinieri, polizia e vigili del fuoco.

Sono 4 i feriti, tra i quali una donna incinta, della catena di incidenti verificatisi per il crollo di una campata - in contrada Petrulla in territorio di Licata , lungo la statale 626 - del ponte che collega con Campobello di Licata, Ravanusa, Canicattì. Il cedimento strutturale del ponte ha fatto sì che le carreggiate si siano piegate verso il basso, toccando il fondo, da un'altezza di circa 4 metri. Nell'esatto momento del crollo, una Fiat Punto - con a bordo due donne di Delia in provincia di Caltanissetta - si trovava a passare sul cavalcavia ed è pertanto finita sul fondo. La donna che era al volante, - secondo la ricostruzione di carabinieri e polizia - accelerando, è però riuscita a risalire portandosi dall'altra parte del cedimento. I feriti sono lievi. Soltanto la donna incinta, che è di Delia , in via precauzionale, è stata portata in elisoccorso all'ospedale San'Elia di Caltanissetta. La strada è stata chiusa in entrambe le direzioni tra lo svincolo Licata Calandrino/innesto statale 123 di Licata e lo svincolo Casale.'

Sull' incidente l'Anas ha nominato una commissione tecnica, presieduta dal docente universitario Mario Paolo Petrangeli, esperto in ponti, che si è messa subito al lavoro e nelle prossime ore si recherà in contrada Petrulla. La causa del crollo sembrerebbe imputabile ad una rottura delle travi in cemento armato precompresso che sostenevano l'impalcato. "Rottura avvenuta - rendono noto dall'Anas - senza che si fossero manifestate deformazioni evidenti e tali da preannunciare l'imminente crollo. Nessun segnale di possibile cedimento, peraltro, era emerso neppure nei recenti interventi di manutenzione sia ordinaria che straordinaria che hanno interessato il viadotto negli anni scorsi, con l'adeguamento delle barriere di sicurezza e, ancor più di recente, con la sostituzione dei giunti di dilatazione".
La Procura di Agrigento ha aperto un'inchiesta sul crollo del viadotto. L'indagine, coordinata dal sostituto procuratore Carlo Cinque, mira ad accertare le cause del cedimento di una delle campate del ponte.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca