Debiti PA, 7 mln al Comune di Bagheria dalla Cassa depositi e prestiti

Il Comune di Bagheria ha ricevuto oggi una nota dalla Cassa Depositi e Prestiti che annuncia l’esito positivo per l’assegnazione delle somme per pagare gli arretrati dei crediti vantati dai fornitori ed dalle imprese che hanno offerto la propria opera al Comune. Si tratta di debiti che il Comune ha accumulato negli anni precedenti nei confronti di imprese commerciali private e che non è riuscito a pagare nei tempi dovuti.

Oltre 7 milioni e mezzo di euro, ed esattamente 7.587.618,70 di euro entreranno nelle casse del Comune, in due diverse tranches: 3.793.809,35 nel 2013 e la restante somma nel 2014.

La Cassa Depositi e Prestiti ha inviato con la medesima comunicazione una proposta di contratto che dovrà essere sottoscritta dall’amministrazione e nuovamente trasmessa alla CDP. La somma concessa verrà restituita alla Cassa in 30 anni.
La comunicazione dell’esito positivo dell’istruttoria dell’anticipazione di liquidità segue l’approvazione da parte della Giunta comunale della delibera n. 87 del 14/12/2012 che stabiliva il ricorso alla procedura di riequilibrio finanziario come da articolo 243 bis del TUEL Testo Unico degli Enti Locali. A tale delibera di Giunta è seguita poi la delibera di Consiglio comunale n. 23 del 2013 che approva il riequilibrio.

L’amministrazione comunale aveva richiesto una cifra di circa 12 milioni di euro, ma la ricezione degli oltre 7 milioni e mezzo di euro darà già una boccata di ossigeno all’Ente per il pagamento dei debiti.

La Cassa depositi e prestiti ha ricevuto un totale di circa 1.500 domande di anticipazione di liquidità, per un importo complessivo di circa 6 miliardi di euro. Considerando che le cifre richieste superano l’importo delle somme del Fondo dedicato agli Enti locali da 4 miliardi di euro (2 miliardi per il 2013 e 2 miliardi per il 2014), su cui Cassa opera per conto del Ministero dell’Economia e delle finanze (MEF), si è proceduto ad un riparto delle somme richieste.
Le anticipazioni di liquidità, come previsto dal DL n. 35/2013, saranno concesse a partire da maggio e le erogazioni delle stesse saranno effettuate a seguito del perfezionamento dei relativi contratti.

L’articolo 1 del decreto legge n.35/2013 ha istituito un fondo per assicurare la liquidità per i pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili della Pa.
“I debiti rappresentano un peso davvero gravoso per l’amministrazione comunale, ereditato dal passato – dichiara l’assessore al Bilancio, Antonino Sciacchitano, - un peso che ostacola l’azione del governo della Città e che, a cascata, produce un effetto moltiplicatore che va ad incidere sulla potenziale liquidità delle imprese creando degli squilibri alla crescita economica del territorio. Cogliere l’opportunità che ci ha fornito il decreto legge 35/2013 che allenta il patto di stabilità e da il via al pagamento dei debiti della PA offre al nostro Comune una liquidità che permette di assolvere ai debiti certi, liquidi ed esigibili, in sostanza quei debiti che sia già stata emessa fattura entro il 31 dicembre 2012 e contribuisce a riavviare l’economia locale. Ringrazio gli uffici per l’eccellente lavoro svolto ed in particolare gli uffici di Staff e della Ragioneria generale”.

L’anticipazione di liquidità dei 7.500 mila euro verrà restituita con un tasso agevolato, in trent’anni, per la quale verrà stanziata in bilancio apposita somma annuale.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Economia