Derby salvezza alla Reggina, Acr Messina retrocesso in D
La reggina festeggia sotto lo spicchio di curva riservato ai propri tifosi

Derby salvezza alla Reggina, Acr Messina retrocesso in D

Messina retrocesso in D, Reggina salva la Lega Pro. È questo il verdetto proveniente dallo stadio “San Filippo” al termine derby dello Stretto valevole come gara di ritorno dei play out del girone meridionale della terza serie. Di fronte a quasi diecimila spettatori è stata la formazione amaranto di mister Giacomo Tedesco ad avere la meglio sui peloritani, in virtù della doppia vittoria conseguita nelle due gare e sempre col medesimo risultato.

Dopo l’1-0 del “Granillo” – firmato da Robertino Insigne – è stata un’inzuccata del neo entrato Balistreri, a quattro minuti dalla fine, a regalare vittoria e salvezza ai calabresi. Partita maschia, molto nervosa con tanto di rissa negli spogliatoi nel corso dell’intervallo, con l’Acr Messina incredibilmente imballato e raramente pericoloso dalle parti del portiere reggino Belardi.

Ne ha approfittato la Reggina che, nonostante la doppia inferiorità numerica per via delle espulsioni di Benedetti e dell’ex Aronica, ha portato in porto una salvezza insperata. Delusione cocente per i peloritani che, appena dopo una stagione, dicono addio al calcio professionistico ritornando mestamente in Serie D. Di seguito il tabellino del match:

MESSINA: Berardi, Silvestri, Benvenga, Pepe, Stefani (Donnarumma al 46'), Nigro (Damonte all'84'), Izzillo, Mancini (Bonanno al 77'), Corona, Orlando, Ciciretti. A disp.: Iuliano, Cane, Rullo, Altobello. All: Nello Di Costanzo
REGGINA: Belardi, Ungaro, Di Lorenzo, Salandria, Cirillo, Aronica, Armellino ( Velardi al 77'), Zibert, Viola (Magri al 60'), Insigne (Balistreri al 79'), Benedetti. A disp.: Kovacsik, Maimone, Gallozzi, Di Michele. All: Giacomo Tedesco
ARBITRO: Martinelli di Roma 2
RETE: Balistreri all’86’

Le foto dell'incontro

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio