Esonda il fiume, strage a Casteldaccia. Dodici morti in tutta la Sicilia
Web

Esonda il fiume, strage a Casteldaccia. Dodici morti in tutta la Sicilia

Sono salite a 12 le vittime per il maltempo in Sicilia, dove si è recato il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, mentre da Trieste è arrivata la solidarietà del Presidente della Repubblica. "In queste ore tanti nostri militari, che ringrazio particolarmente, - ha detto Mattarella - sono impegnati con tanti volontari nel soccorso ai territori che sono stati investiti da un'ondata di maltempo con drammatiche conseguenze di lutti e devastazioni. Ai familiari delle vittime va tutte la vicinanza dell'Italia e alle zone colpite la solidarietà piena e concreta".

Il bilancio più grave vicino a Palermo, dove oggi e domani è stato dichiarato il lutto cittadino. La furia dell'acqua ha cancellato due famiglie, i cui componenti si erano riuniti ieri per passare la serata insieme in una villetta situata in località Casteldaccia. L'edificio è stato sommerso dall'acqua e dal fango del fiume Milicia, ingrossato dalle piogge di ieri e le nove persone all'interno sono annegate. Tra i morti anche due bambini, di uno e tre anni

Il premier è subito salito nell'elicottero, che lo attendeva nella pista dell'aeroporto, per sorvolare le zone colpite dall'alluvione e in particolare l'area di Casteldaccia dove sono morte 9 persone che si trovavano in una villetta travolta da acqua e fango. Il premier farà visita ai familiari delle vittime presso il Policlinico di Palermo.

"Dopo avere firmato i provvedimenti necessari a gestire l'emergenza maltempo, mi accingo a convocare il Consiglio dei Ministri, la prossima settimana, per deliberare lo stato di emergenza.

Con la deliberazione dello stato di emergenza il Governo disporrà lo stanziamento delle prime risorse e adotterà gli interventi necessari a superare l'emergenza", annuncia su Facebook il presidente del Consiglio.

Sotto accusa l'abusivismo. Almeno due lottizzazioni abusive, case fuori legge con fognature che scaricano nel fiume. E' il quadro descritto da Giuseppe Virga, sindaco di Altavilla Milicia, comune confinante con quello di Casteldaccia in cui nove persone, stanotte, sono morte per l'esondazione del fiume Milicia, il corso d'acqua che separa i due comuni. "Da assessore e poi da sindaco - racconta - ho fatto prima segnalazioni verbali ai carabinieri, poi un esposto alla Procura di Termini Imerese insieme all'ex sindaco di Castedaccia Fabio Spatafora".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca