Etna, sospese le ricerche del ragazzo disperso
flickr

Etna, sospese le ricerche del ragazzo disperso

Sono state sospese a causa del buio e riprenderanno domani mattina le ricerche del diciassettenne cinese che risulta disperso dalla notte scorsa sul versante sud dell'Etna. Squadre del Soccorso alpino, della guardia di finanza, della forestale, della polizia e dei vigili del fuoco hanno battuto tutta l'area intorno al rifugio Sapienza, a 1910 metri di altitudine, senza trovare alcuna traccia del giovane che si è allontanato ieri mattina da Catania, dove vive con i genitori.

Le ricerche sono iniziate alle prime luci dell'alba dopo aver avuto la certezza che il giovane era arrivato ieri mattina al rifugio Sapienza con un pullman proveniente da Catania ma non era più tornato a casa. All'operazione hanno preso parte 20 tecnici del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico delle stazioni dell'Etna e altri 20 soccorritori dei vigili del fuoco, della guardia di finanza, della forestale e della polizia. Le squadre hanno setacciato la zona intorno al rifugio per poi dirigersi verso il cratere di sud est e la valle del Bove.

In mattinata un elicottero dei vigili del fuoco con a bordo specialisti del Cnsas si era alzato in volo da Catania ma non ha potuto raggiungere la zona delle ricerche a causa del forte vento. Il tentativo è stato ripetuto nel pomeriggio ed ha consentito di sorvolare l'area a bassa quota ma senza alcun risultato.

A denunciare la scomparsa del diciassettenne alla polizia, nella tarda serata di ieri, erano stati i genitori, preoccupati per il suo mancato rientro a casa. L'unica certezza è che domenica mattina il giovane è salito su un pullman diretto al rifugio Sapienza dove l'autista si è detto certo di averlo visto scendere con un abbigliamento, tra l'altro, non adatto alle condizioni proibitive che si registrano sul vulcano durante la notte.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca