Forconi, prime divisioni. Ferro: "Non andremo a Roma"
Web

Forconi, prime divisioni. Ferro: "Non andremo a Roma"

Si apre una spaccatura nel movimento dei Forconi. Si staccano Sicilia e Veneto, guidate da Mariano Ferro e Lucio Chiavegato. Dicono no alla manifestazione a Piazza del Popolo a Roma di mercoledì prossimo e si dissociano dal terzo leader del movimento 9 dicembre, Danilo Calvani, che ribatte: la manifestazione si farà, gli altri forse vogliono fondare un partito.

Il primo a dissociarsi è stato Mariano Ferro, leader dei Forconi siciliani, che boccia la manifestazione di Piazza del Popolo, a Roma, in programma il 18 dicembre e annuncia: noi non ci saremo: il suo timore, ha spiegato, è che arrivino inflitrati "da una destra che ci vuole strumentalizzare". Secondo Ferro, la protesta deve continuare ma non a Piazza del Popolo: "Vogliamo fare pressione al governo in maniera pacifica, nei territori"

La maggior parte dei comitati del 9 dicembre - spiega un altro dei leader, Lucio Chiavegato di Life Veneto - "dice no a Piazza del Popolo. Noi ci dissociamo anche da Danilo Calvani perché i suoi discorsi non ci vanno. La protesta deve rimanere sul piano democratico e se qualcuno vuole alimentare pensieri strani noi prendiamo le distanze".


Mariano Ferro ha fatto sapere di essere stato "contattato dal sottosegretario ai Lavori Pubblici, Rocco Girlanda. Ma finora non gli ho mai parlato". Poi ha aggiunto: se il governo ha delle soluzioni, le dia. Sulla rottura con Calvani commenta così: "Se pensa che abbia fondato un partito, è fuori, spero che dietro di lui non ci siano parti politiche non rassicuranti".

Oltre ai Forconi siciliani di Mariano Ferro e a Life Veneto di Chiavegato anche Azione rurale Verona e gli autotrasportatori dell'Aitras non parteciperanno alla manifestazione di protesta Roma ma proseguiranno l'organizzazione dei presidi in tutta Italia. Nella nota in cui si dissociano da Calvani e Baldarelli compaiono tutti i loro nomi: Lucio Amedeo Chiavegato, Renzo Erbisti, Eugenio Rigodanzo, Giorgio Bissoli, Mariano Ferro, Giovanni Zanon, Giovanni Di Ruvo, Gaetano Montico, Augusto Zaccardelli. Si dissociano anche da tutta la campagna sul web.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca