Fotovoltaico e tangenti, condannato ex deputato Bonomo
Web

Fotovoltaico e tangenti, condannato ex deputato Bonomo

La terza sezione del Tribunale di Palermo ha condannato a sei anni e mezzo l'ex deputato regionale Mario Bonomo e a quattro anni e mezzo il nipote Marco Sammatrice. Entrambi erano accusati di induzione indebita a dare o promettere utilità. I due sono finiti nell'inchiesta sul presunto giro di tangenti negli affari del fotovoltaico.

Le indagini sono partite dalle dichiarazioni dell'ingegnere Piergiorgio Ingrassia - parte civile nel processo, assistito dagli avvocati Giovanni Di Benedetto e Ugo Castagna - arrestato assieme a Gaspare Vitrano (ex deputato Pd che ha avuto sette anni per lo stesso reato) mentre l'imprenditore Giovanni Correo, artefice del blitz con la sua denuncia, consegnava dieci mila euro a Vitrano. Una tangente, secondo l'accusa; spartizione di proventi societari secondo Bonomo e Sammatrice, che hanno sempre negato di avere mai intascato mazzette.

Secondo il pm Maurizio Agnello, Gaspare Vitrano, Mario Bonomo e Piergiorgio Ingrassia (che ha patteggiato la condanna a due anni) erano soci in alcune società, tra cui la Green srl, impresa con sede a Palermo, che avrebbe ottenuto dalla Regione siciliana, grazie anche all'interessamento dei deputati, le licenze per due impianti fotovoltaici a Carlentini, nel Siracusano.

Vitrano e Bonomo avrebbero controllato le aziende attraverso alcuni prestanome. I due deputati ne detenevano il 40% ciascuno, mentre all'ingegnere Ingrassia spettava il 20%. Nell'inchiesta, sono finite sotto la lente d'ingrandimento altre due società del fotovoltaico: l'Enerplus 2010, gemella della Enerplus, srl. Le due imprese che avevano realizzato degli impianti nel palermitano avevano aumentato subito il loro valore, tanto da essere vendute a una società spagnola per oltre sei milioni di euro. I fondi sarebbero poi stati versati in due conti svizzeri: uno di Ingrassia e l'altro di Marco Sammatrice, nipote di Bonomo e socio della Green srl.
Bonomo è stato condannato anche all'interdizione perpetua dai pubblici uffici, mentre per Sammatrice l'interdizione è di cinque anni. Il tribunale ha inoltre inviato gli atti alla Corte dei conti, mentre alla Procura sarà inviata copia dei verbali di udienza di Piergiorgio Ingrassia.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca