Gela, il M5S si spacca e attacca il sindaco Messinese
Web

Gela, il M5S si spacca e attacca il sindaco Messinese

"I potentati economici che per decenni hanno condizionato la politica a Gela hanno fatto breccia anche sul sindaco, Domenico Messinese, che non rappresenta più il M5s". Lo hanno detto, nel corso di una contro-conferenza stampa, quattro dei cinque consiglieri del gruppo pentastellato e i tre assessori esonerati ieri dal sindaco, rispondendo così alle accuse di inefficienza rivolte da Messinese ai suoi collaboratoti "licenziati". Accuse che gli interessati respingono ricordando che i loro studi e i loro progetti non sarebbero mai stati presi in considerazione dal sindaco.

"Per noi, come da programma - è stato puntualizzato da consiglieri ed ex assessori - erano tre i temi su cui si doveva sviluppare l'impegno amministrativo: rifiuti, condono edilizio e risanamento ambientale. Messinese, invece, ci suggeriva di lavorare su car sharing e 'casa dell'acqua', dimostrando maggiore interesse per le proroghe di appalti, scaduti e chiacchierati, e per l'accordo di programma con Eni sulla riconversione della raffineria che il M5s aveva sempre contestato e rifiutato".

Ora, dichiarandosi apertamente all'opposizione di questa giunta comunale, chiedono ai vertici regionali e nazionali del M5s di ritirare il simbolo e di espellere Messinese dal movimento, mentre i militanti di una delle due fazioni "grilline", createsi a Gela, hanno lanciato sul web l'hashtag "Messinesedimettiti", che sta registrando l'adesione di centinaia di simpatizzanti.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica