Giarre e Riposto, due agguati nella notte
Web

Giarre e Riposto, due agguati nella notte

Due agguati, letti come regolamenti di conti all'interno della criminalità organizzata, sono stati registrati ieri nel Catanese. Il bilancio è di un ferito a una gamba e di tre arrestati da carabinieri della compagnia di Giarre.

Le prime indagini scattano dopo che Sebastiano Flori si presenta nell'ospedale di Giarre per farsi medicare una ferita da arma da fuoco a una gamba. Ai militari dell'Arma racconta di essere stato colpito mentre era davanti a un bar di Mascali. Ma durante il sopralluogo compiuto da investigatori non sono stati trovati riscontri: nessuna traccia di sangue sul posto, nè testimoni dell'episodio e la sparatoria non è stata segnalata da al 112. L'ipotesi dei carabinieri è che sia stato gambizzato in una zona non frequentata non di Mascali.

Il secondo episodio è avvenuto ieri sera a Riposto: una pattuglia 'civettà dei carabinieri della compagnia di Giarre 'aggancià due auto sospette e le segue: quando le due vetture arrivano davanti l'abitazione di un pregiudicato esplodono quattro colpi di pistola contro la porta di casa, senza ferire alcuno. Militari dell'Arma dopo un inseguimento bloccano le due automobili e arrestano tre presone per tentativo di omicidio, detenzione di armi e resistenza a pubblico ufficiale. Indagini sono in corso per accertare se tra le due sparatorie ci siano collegamenti e verificare se sono state organizzate dallo stesso gruppo per 'avvertirè dei rivali, o sia stata un 'botte e rispostà tra bande avversarie. Le indagini dei carabinieri della compagnia di Giarre sono coordinate dalla Procura di Catania.

Un gruppo di fuoco su due auto è entrato in azione la notte scorsa a Riposto, nel Catanese, esplodendo numerosi colpi di pistola calibro 7,65 contro un pregiudicato che era uscito di casa per gettare dei rifiuti in un cassonetto. L'agguato è andato a vuoto: l'uomo è rimasto illeso, i proiettili si sono conficcati sul muro dell' abitazione, vicino la porta d'ingresso. Tre dei componenti il commando sono stati arrestati da carabinieri della compagnia di Giarre dopo un inseguimento. L'equipaggio di 'gazzellà, che era in zona, sentiti i colpi è subito intervenuto ed è riuscito a intercettare una delle due vetture, una Bmw 5, arrestando, dopo una breve colluttazione gli occupanti dell'auto. Sono Leonardo Antonino Parisi, 44 anni, ritenuto vicino al clan Laudani, Remo Arcarisi, di 25 anni, e un 31enne. Sono accusati di tentativo d'omicidio, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma da sparo. Indagini sono in corso per accertare se ci siano collegamenti con il ferimento, avvenuto ieri pomeriggio, di Sebastiano Flori, che si è presentato nell'ospedale di Giarre per farsi curare colpi di arma da fuoco a una gamba. Ai militari dell'Arma ha detto di essere stato centrato mentre era davanti a un bar di Mascali. Ma durante il sopralluogo compiuto da investigatori non sono stati trovati riscontri: nessuna traccia di sangue sul posto, nè testimoni dell'episodio e la sparatoria non è stata segnalata da al 112. L'ipotesi dei carabinieri è che sia stato 'gambizzatò in una zona non frequentata non di Mascali. Le indagini sono coordinate dalla Procura di Catania.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca