Imu agricola: Tar del Lazio dà ragione al comune di Belpasso
Web

Imu agricola: Tar del Lazio dà ragione al comune di Belpasso

Con propria ordinanza il Tar del Lazio si è pronunciato sul ricorso (n. 3084 del 2015) presentato dal Comune di Belpasso ed altri contro la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell'Economia e Ministero delle Politiche Agricole avverso alla norma che esentava dall’Imu sui terreni agricoli solo i comuni montani, considerati tali solo per il loro posizionamento sul livello del mare: ebbene il Tar ha accolto le motivazioni presenti nel ricorso rinviando la decisione alla Corte Costituzionale. Soddisfatto il sindaco Carlo Caputo, che parla di grande vittoria per il Comune di Belpasso.

“Chi ‘mastica’ un po' di diritto capirà immediatamente la portata di questo fatto: non succede infatti spesso che il Tar del Lazio rimetta una decisione alla Corte Costituzionale, l’organo di Giustizia più importante dello Stato italiano. Sono fiero di avere intrapreso insieme ad altri Comuni, pochi purtroppo, qualche mese fa questa operazione concreta contro un provvedimento dello Stato che vessa tanto sia Comuni che cittadini: una norma assolutamente astratta, che non tiene in alcun modo conto della realtà dei territori".

"Il centro di Belpasso – prosegue il primo cittadino – non sarà al di sopra della quota limite dei 700 metri sul livello del mare ma molti dei propri terreni sono ben più alti e sono scoscesi, impervi e difficili da coltivare: dire agli agricoltori, che col proprio sudore rendono produttivi questi terreni, che dovrebbero pagare anche l’Imu sarebbe davvero un atto di ingiustizia".

"Purtroppo – conclude Caputo – questa vicenda dimostra che oggi a fare politica concreta, coraggiosa e seria anche su tematiche nazionali sono rimasti solo i Comuni ed i loro sindaci mentre le aule parlamentari si mostrano sempre più lontane dalla realtà che vive il nostro Paese: grande merito agli avvocati Andrea Scuderi e Luca Ardizzone che ringrazio per aver creduto in questa richiesta di giustizia".

Il Tar di Roma ha trasmesso copia dell'ordinanza anche al Presidente del Consiglio ed ai Presidenti di Camera e Senato, per i chiari e devastanti risvolti economici che l'eventuale dichiarazione di incostituzionalità della norma in questione potrebbe avere sulle casse dello Stato centrale.

Può sicuramente affermarsi che lo sforzo e la determinazione messa in campo del Comune di Belpasso insieme agli altri Comuni ricorrenti nell'avversare l'iniqua imposizione dell'Imu sui terreni agricoli, oggi approdata all'esame della Corte Costituzionale, rappresenta sicuramente un pungolo per il legislatore a ritornare sui propri passi e la possibilità per tutta l'Italia di eliminare definitivamente il tanto contestato quanto illegittimo tributo.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca