Lampedusa, sale a 34 il numero delle vittime di una nuova strage
Web

Lampedusa, sale a 34 il numero delle vittime di una nuova strage

Continua la tragedia in mare. Ieri sera un altro naufragio è avvenuto a circa 60 miglia a sud di Lampedusa, ai confini con le acque libiche, in cui hanno perso la vita almeno 50 profughi. A bordo dell'imbarcazione viaggiavano 250 persone: il bilancio provvisorio è di 206 naufraghi e 34 corpi senza vita recuperati, scrive la Marina militare in una nota. L'imbarcazione si sarebbe capovolta a seguito di una ressa scoppiata al passaggio di un aereo militare.

E mentre erano ancora in corso le operazioni di soccorso dei circa 250 migranti, le motovedette della Guardia Costiera sono state impegnate nell'assistenza ad altre due imbarcazioni in difficoltà. Un gruppo di 85 immigrati su un gommone che avevano lanciato l'Sos sono stati raccolti ad una ottantina di miglia a Sud dell'isola. Un barcone con 183 profughi, tra i quali 34 donne e 49 bambini, è stato invece 'agganciato' in prossimità dell'imboccatura del porto. Anche in questo caso i migranti sono stati trasferiti nel Centro di prima accoglienza però già al collasso. Un terzo barcone è stato individuato in tarda mattinata nel Canale di Sicilia e i mezzi della Marina hanno imbarcato altri 90 profughi.

Una donna con una gravidanza a termine, arrivata a Lampedusa, è stata immediatamente soccorsa. "Visitata a tempo di record, la giovane aveva già le contrazioni in corso e perdite di sangue, dall'ecografia il feto stava bene e abbiamo deciso di trasportare la donna in eliambulanza all'ospedale di Agrigento dove partorirà a breve", riferisce Pietro Bartolo, responsabile del presidio medico dell'isola e coordinatore dell'attività sanitaria per l'emergenza migranti, raggiunto sulla banchina.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca