Matera-Catania: presentazione del match
Mister Pippo Pancaro

Matera-Catania: presentazione del match

Ritorno all'inferno...
A 4856 giorni dal 9 giugno 2002 – giorno della promozione in Serie B conquistata dopo la 'battaglia' dallo “Jacovone” – il Catania riassapora l’amaro fiele della Serie C (oggi Lega Pro) affrontando il Matera di Dionigi nella gara valida per la terza giornata di andata. Match d'esordio per i rossazzurri, il primo di tre incontri da disputare nell'arco di una settimana: domenica al "XXI Settembre-Franco Salerno", mercoledì 23 a Monopoli (recupero della prima giornata) e domenica 27 in casa contro l'Ischia.

Da Taranto a Matera: settantaquattro chilometri a separare due città che sembrano chiudere un cerchio, lungo 13 anni, vissuto a scrivere lungo l’italico stivale momenti esaltanti mai vissuti in sessantanove anni di storia. Dalla Puglia alla Lucania: settantaquattro chilometri per ripartire dopo una caldissima estate (l’ennesima della storia recente rossazzurra) che ha scosso fondamenta già vacillanti e spaccato ulteriormente la tifoseria etnea. Abbonamento si, abbonamento no? L’amletico dilemma è stato e continua ad essere proprio questo.

Dilemma sull’abbonarsi o meno che dipende, inevitabilmente, dal futuro della società: via la vecchia dirigenza, dentro facce nuove. Aspetto, quest’ultimo, che ancora fatica a materializzarsi. E in tutto questo marasma ecco una profondissima rivoluzione tecnica. Smantellata la squadra costruita lo scorso gennaio ne è arrivata una nuova di zecca composta da elementi validi e profondi conoscitori della categoria. Incognita: il poco, pochissimo, tempo per assemblare ed amalgamare il tutto. Il tempo è tiranno e lo è ancor di più quando si parte con 9 punti di penalizzazione sul groppone. L’obiettivo stagionale? Uscire quanto prima dalle sabbie mobili di una classifica che si presenta subito deficitaria. Salvarsi, la parola d’ordine d’inizio stagione è propria questa. Perché in una situazione come quella in cui versa l’Elefante il mantenimento della categoria(che equivale al professionismo) ha un valore inestimabile. Inutile illudersi con ulteriori proclami di facili conquiste.

Si parte da Matera, contro una formazione allestita per competere nelle zone alte della classifica ma reduce da una sonora batosta in quel di Andria. Netto 3-0 per la Fidelis senza attenuanti per l’undici di mister Dionigi (tecnico emergente di cui si dice un gran bene). Lo scivolone pugliese dei lucani è l’immagine che sintetizza al meglio la nuova realtà, fatta di tante trappole disseminate lungo un cammino tortuoso. Signori, riecco l’inferno della C. Anche se ne avremmo fatto a meno. Decisamente.

Qui Matera: Letizia e Kurtisi dal 1’
Rispetto alla gara di sette giorni fa contro la Fidelis Andria – finita con un netto 3-0 per i pugliesi – il tecnico dei lucani Davide Dionigi dovrebbe apportare qualche modifica. In porta non ci sarà Danilo Russo (alle prese con dei problemi di famiglia) ma l’esperto Marino Bifulco (classe 1982). Tra gli indisponibili anche lo squalificato Iannini e l’infortunato De Franco. Al rientro Ingrosso, mentre in avanti spazio a Letizia e Kurtisi dal primo minuto. Questo il probabile 3-4-3schierato da mister Dionigi: Bifulco tra i legni; terzetto difensivo composto da Di Lorenzo, Zaffagnini e Ingrosso; in mediana Meola e Tomi esterni, De Rose e Armellino al centro; tridente offensivo composto da Letizia, Kurtisi e Carretta.

Qui Catania: tre squalificati
In vista della gara del “XXI Settembre – Franco Salerno” di Matera, che segnerà il debutto stagionale dei rossazzurri nel campionato di Lega Pro, il tecnico degli etnei Pippo Pancaro dovrà fare ameno di ben tre squalificati: Ferrario, Calderini e il neoacquisto Plasmati. Out anche il difensore Bergamelli (non ancora al top della condizione), De Rossi, Sessa, Piermarteri e Ramos. Per quanto concerne lo schieramento iniziale ipotizzabile questo 4-3-3: tra i legni Bastianoni dovrebbe avere la meglio su Liverani; in difesa Garufo e Nunzella sugli esterni, Bastrini ed uno tra Pelagatti e Bacchetti al centro; in mediana spazio a Castiglia, Musacci e Scarsella; tridente offensivo composto da Russotto, Calil e Falcone.

Probabili formazioni
MATERA (3-4-3): Bifulco; Di Lorenzo, Zaffagnini, Ingrosso; Meola, De Rose, Armellino, Tomi; Carretta, Kurtisi, Letizia. A disp.: Biscarini, Scognamillo, D’Angelo, Piccinni, Zanchi, Rolando, D’Agostino, Gammone, Regolanti, Pagliarini. All: Dionigi

CATANIA (4-3-3): Bastianoni; Garufo, Bastrini, Pelagatti (Bacchetti), Nunzella; Castiglia, Musacci, Scarsella; Russotto, Calil, Falcone. A disp.: Liverani, Ficara, Bacchetti, Parisi, Agazzi, Lulli, Russo, Barisic, Di Grazia, Rossetti. All: Pancaro

ARBITRO: Baroni di Firenze; Pagnotta-Manzolino

INDISPONIBILI: D. Russo, De Franco; Bergamelli, De Rossi, Ramos, Piermarteri e Sessa

SQUALIFICATI: Iannini; Calderini, Ferrario e Plasmati

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio