Milazzo, incendo nella notte alla raffineria. Il sindaco rassicura:
Web

Milazzo, incendo nella notte alla raffineria. Il sindaco rassicura: "Nessun pericolo"

Paura nella notte a Milazzo, in Sicilia. Un vasto incendio si è sviluppato all'interno della Raffineria Mediterranea: in fiamme un deposito con un milione di litri di carburante che ha bruciato per ore. Non ci sono feriti. Intanto la procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha aperto un fascicolo contro ignoti sull'incendio e ha disposto il sequestro dell'area.

I carabinieri di Milazzo cominceranno le indagini appena le fiamme saranno spente - l'operazione di spegnimento è quasi terminata- e l'area sarà così accessibile. Ancora da chiarire le cause dell'incendio ma per il comandante dei Vigili del Fuoco di Messina Salvatore Rizzo, intervistato al Gr1, il rogo sarebbe dovuto al cedimento del tetto di un serbatoio. ''Il serbatoio - ha spiegato - ha il tetto galleggiante, il tetto si è inclinato, quindi il prodotto infiammabile è venuto a contatto con l'aria e ha preso fuoco".

I vigili del fuoco intrevenuti sul posto hanno raffreddato con getti d'acqua il serbatoio 513 in attesa che si esaurisse il carburante. Il rogo si è sviluppato poco prima dell'una di notte, la nube densa e le fiamme altissime erano visibili per diversi chilometri dai comuni della fascia tirrenica del messinese. Centinaia di famiglie che risiedono nella zona per la paura hanno preferito allontanarsi dalla loro abitazioni; subito sono arrivate le rassicurazioni del sindaco: "La situazione è sotto controllo, non ci sono rischi per le persone". Anche FederPetroli Italia ha diffuso una nota "Nonostante la nube a seguito dell'incendio, non vi sono situazioni dannose per l'ambiente e l'aria circostante''.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca