Muos, Cassazione conferma il sequestro
Web

Muos, Cassazione conferma il sequestro

E' "certamente sussistente quantomeno per la prosecuzione dei lavori in epoca successiva all'annullamento del provvedimento di revoca delle revoche" la consumazione a livello indiziario del reato di abuso edilizio nella realizzazione di infrastrutture militari costituenti il sistema radar Usa 'Muos' in Sicilia. Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni depositate oggi di conferma del sequestro del 'Muos' che, rileva il verdetto, è stato disposto con finalità di salvaguardia dell'ambiente e della salute degli abitanti.

Ad avviso della Cassazione, non ha meritato accoglimento la tesi dell'Avvocatura dello Stato che, per conto del Ministero della Difesa, chiedeva l'annullamento della conferma del sequestro del 'Muos'.

"È la notizia più bella che potessi mai ricevere, finalmente la tutela della salute degli abitanti di Niscemi e la salvaguardia del nostro territorio vengono riconosciuti come un diritto inalienabile dalla Cassazione".

Lo dice il sindaco di Niscemi (Caltanissetta) Franco La Rosa, riferendosi alle motivazioni contenute nel verdetto della Cassazione, depositate oggi, con cui conferma il sequestro del Muos, il sistema di telecomunicazione satellitare della Marina militare Usa, che si trova in contrada Ulmo.

"Mi chiedo a questo punto a che servono le rilevazioni in corso da ieri sulle emissioni delle antenne, disposte dal Consiglio di giustizia amministrativa - prosegue -. Sul Muos, per ora, la partita è chiusa".

Da ieri nella base militare sei tecnici nominati dal Cga hanno cominciato le rilevazioni sulle emissioni elettromagnetiche per stabilire se sono nocive per la salute. Le operazioni si concluderanno domani.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca