Niscemi, si accende il Muos per tre giorni di test:
Web

Niscemi, si accende il Muos per tre giorni di test: "Cittadini come cavie"

Il M5S all’Ars grida a gran voce il suo “no” all’accensione dell’impianto satellitare di Niscemi, programmata per domani dal Cga per verificare sul campo la reale pericolosità delle emissioni elettromagnetiche della struttura. Lo fa scrivendo al prefetto di Caltanissetta, a cui chiede di stoppare il test sul contestatissimo impianto, “non essendo quantificabili i danni che potrebbero derivare dall’accensione, in assenza di un qualsivoglia meccanismo di protezione”.

Nell’ambito dei controlli sulla pericolosità delle emissioni dell’impianto – infatti – da domani, 9 marzo a venerdì 11 marzo, si svolgeranno le operazioni di verificazione del campo elettromagnetico. In pratica, applicando la normativa tecnica di settore, dovrà essere misurato il campo elettromagnetico prodotto secondo il principio del “caso peggiore”, quindi nelle più gravose condizioni d’esercizio con tutte le antenne in funzione alla massima potenza.

“Con ordinanza del 26 febbraio scorso – spiega il deputato Cinquestelle Giampiero Trizzino – il giudice ha disposto il completamento dell’attività di controllo, che avverrà attraverso la misurazione delle emissioni prodotte delle parabole e delle antenne. Per questo motivo a partire da domani gli impianti verranno messi in esercizio limitatamente al prelievo delle misurazioni. Questa attività sarebbe dovuta avvenire già gennaio, ma non fu possibile perché l’Arpa dichiarò che le apparecchiature in quel momento non erano erano disponibili”.

Legambiente ha già depositato una memoria con la quale ha tentato di resistere alla decisione, ma non è stata accolta. Alla memoria è seguita una analoga richiesta del comitato delle ‘Mamme NO MUOS’ al prefetto.

“Anche noi, come gruppo politico – continua Trizzino – abbiamo scritto al prefetto, sottolineando la pericolosità di questa manovra e la necessità di approntare tutte le misure necessarie affinché non vi siano conseguenze sulla popolazione. Siamo consapevoli della necessità di fornire al giudice tutte le carte affinché possa accertare una volta e per sempre la pericolosità dell’impianto militare, ma non possiamo accettare che la popolazione diventi la cavia di questo test”.

Legambiente Sicilia chiede, invece, al Sindaco di Niscemi, al Prefetto e alla Asp di Caltanissetta e a tutte le altre autorità competenti, che siano poste in essere tutte le azioni amministrative necessarie per garantire, nei giorni di verificazione, che non ci siano rischi per la salute dei cittadini in ordine alla messa in funzione dell’impianto e che ne venga data ampia e preventiva comunicazione alla popolazione.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca