Ong salva i migranti e li consegnano alla Guardia Costiera
WEB

Ong salva i migranti e li consegnano alla Guardia Costiera

Sono arrivati a Lampedusa i 127 migranti che erano a bordo della nave Prudence di Medici senza frontiere. A portarli nell'isola - dopo un trasbordo dalla stessa nave - due imbarcazioni della guardia costiera uscite dalle acque territoriali, a 33 miglia dall'isola.

La nave di Msf non è dunque mai arrivata a Lampedusa, come prevede il codice di regolamentazione delle ong voluto dal ministro Minniti secondo cui le organizzazioni che non lo sottoscrivono 'sono fuori del sistema di soccorso'.

Proprio Medici senza frotiere è nel mirino della Procura di Trapani così come altre organizzazioni non governative per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina per veri e propri 'viaggi organizzati' con i trafficanti di profughi dalle coste dell'Africa all'Italia.

Msf, secondo notizie pubblicate in prima pagina dal Corriere della Sera e da Messaggero e Mattino, sarebbe all'interno delle indagini ancora 'segrete' dello Sco, il Servizio centrale operativo della polizia, sulle 'consegne concordate' in alto mare.

Il Corsera cita l'interrogatorio il 27 febbraio scorso di Cristian Ricci, titolare della Imi Security Service che si occupava dei servizi di sicurezza sulla Vos Hestia di Save the Children: "In realtà - dichiara a verbale - la nave Iuventa fungeva da piattaforma e quindi si limitava a soccorrere i migranti per poi trasbordarli. Era sempre necessario l'intervento di una nave più grande su cui trasferire i migranti soccorsi dal piccolo natante".

E in alcuni casi, secondo le testimonianze raccolte, imbarcazioni di Msf sarebbero intervenute per soccorrere e trasbordare i migranti senza essere state allertate dalla Guardia Costiera. Tra le navi i cui movimenti sono ora sotto osservazione, scrivono il Messaggero e il Mattino, ci sono la 'Dignity One', la 'Bourbon Argos' e la 'Vos Prudence'. Nei mesi scorsi, sarebbero stati accertati 'sconfinamenti ripetuti' verso la costa libica ad almeno 8 miglia rispetto alle 12 consentite.

"Quanto vediamo oggi negli organi di stampa sembra rilanciare accuse che già ci erano state rivolte alcuni mesi fa, a cui non erano seguite altre azioni o informazioni", hanno affermato da Medici Senza Frontiere aggiungendo di non aver ricevuto "alcuna comunicazione ufficiale dalla Procura di Trapani né da altre Procure in merito alla presunta inchiesta sulla nostra attività di ricerca e soccorso in mare".

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca