Palermo, 1-1 contro il Venezia di Zenga

Palermo, 1-1 contro il Venezia di Zenga

Il Palermo sbatte sul muro degli ospiti e non va oltre il pareggio interno contro il Venezia, con un terzo di partita giocato peraltro in dieci contro undici.

Una sfortunata autorete incanala il match sui binari che portano i tre punti agli ospiti, poi Trajkovski e l'arbitro (sullo 0-1) fanno il resto con un fallo improvvido e un rosso discutibile (ma non scandaloso, anzi): così la squadra di Zenga sembra poter espugnare il semivuoto Barbera nell'anticipo della nona giornata del campionato cadetto. Nel finale, però, arriva la rete di Struna che ristabilisce l'equilibrio e fissa il risultato sull'1-1 finale che non premia affatto la compagine siciliana fermata costantemente dal portiere gialloneroverde in serata di grazia.

I rosanero fanno la partita per novanta minuti (al 95' l'ultima conclusione di Nestorovski che ha quasi pescato il jolly), trovando il pullman del Venezia davanti alla porta. In sintesi, estrema, questa la fotografia di una partita che il Palermo ha provato a vincere e che invece ha rischiato di perdere contro avversari rognosi ed esperti. Sul piano del morale e del peso specifico, comunque, un punto prezioso in chiave palermitana: per come si era messa la gara il pareggio è prezioso e importante, non si tratta di due punti persi per quanto 'ai punti' - ci scuserete per il gioco di parole - avrebbe ampiamente meritato la formazione di Stellone.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio