Palermo, Troianiello: "Non potevo dire di no al Palermo, Gattuso come Conte"
© Alessandro Rubino / SiciliaToday.net

Palermo, Troianiello: "Non potevo dire di no al Palermo, Gattuso come Conte"

In casa Palermo è stato presentato oggi Gennaro Troianiello, esterno offensivo proveniente dal Sassuolo. Genuino e schietto, il giocatore si descrive così: “A me piace tanto fare gruppo e stare coi ragazzi, sono un po’ giocherellone, ma sono anche uno che vuole sempre vincere. L’esperienza che posso dare? Sicuramente posso dare una mano essendo il più grande, posso mettermi a disposizione calcisticamente, non solo in campo ma anche nello spogliatoio”.

“Gattuso è carico come una molla e - ha detto Troaianiello - somiglia molto a Di Francesco e Conte, gente che dà molta carica. Le esperienze di Siena e Sassuolo sono quelle che mi hanno preparato di più per Palermo, anche se qui ovviamente trovo molti più tifosi. Chi ho sentito prima di arrivare? Brienza l’ho sentito, mi ha detto di venire qui di corsa, perché qui si sta benissimo. Mi ha parlato benissimo di questa bellissima città. Ho parlato anche con Salvatore Masiello e Simone Pepe, tutti mi hanno dato buonissimi consigli”.

Quanto al campionato che aspetta i rosanero, questo è il pensiero del nuovo acquisto del Palermo. “Quali squadre da temere? Tutte, come nessuna. Bisogna che la forza sia in noi stessi. Per esempio con il Sassuolo all’ultimo non riuscivamo più a vincere una partita. E’ stata una cosa mentale. L'atteggiamento degli avversari? E’ difficile che le avversarie giochino a viso aperto, per esempio col Sassuolo tutti all’inizio giocavano a viso aperto e abbiamo fatto 8 vittorie di seguito, poi hanno cominciato a coprirsi. Il Palermo non avrà questo effetto sorpresa”.

"Un po' mi è dispiaciuto lasciare la Serie A conquistata col Sassuolo, ma spero di coronare il mio sogno di giocarla col Palermo. Le mie esperienze? A Siena mi ha voluto Conte, poi è arrivato Sannino, ma come calciatore non sposavo i suoi modi di giocare, invece al Sassuolo a volermi erano la società e il mister. Il segreto per fare bene? La ricetta migliore è quella di aiutarsi l'uno con l'altro e non sentirsi mai migliore degli altri, il gruppo è fondamentale. L'impatto con Palermo? Mi sembra di stare a Napoli, l'impatto è stato buonissimo".




blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio