Palermo, altro 0-3 contro la Lazio

Seconda partita di campionato e secondo ko per il nuovo Palermo di un Sannino che si sgola e si sbraccia quasi inutilmente dalla panchina. Il tecnico di Ottaviano sembra ritrovarsi al momento alla guida di un gruppo di giocatori poco incline ad attuare le sue idee di gioco, che prevedono un alto grado di attenzione e di sacrificio. Non è bastato contro la Lazio il cambio di modulo rispetto alla gara d'esordio contro il Napoli, neanche con il 4-4-2 la difesa ha retto come aveva invece fatto durante la preparazione estiva; purtroppo, anche il centrocampo e l'attacco non hanno dato segnali confortanti. Non pervenuta la fase offensiva rosanero, troppo fragile la tenuta della squadra: poco aggressivo e mentalmente assente o quasi, questo Palermo desta preoccupazione per l'approccio remissivo e la scarsa personalità. Tutto troppo facile per la Lazio di Petkovic, che con una doppietta di Klose e un bolide dalla distanza di Candreva si sbarazza della formazione siciliana con estrema facilità. A poco è servito l'inserimento nella ripresa di Dybala ed Hernandez per cambiare la sconfortante situazione dell'attacco palermitano, mentre Rios a centrocampo ha quantomeno messo in mostra discrete doti in fase d'interdizione.

Lazio padrona del campo dal primo all'ultimo minuto, troppo evidente il divario tecnico tra le due squadre: a fine primo tempo il vantaggio dei padroni di casa, con Klose che sfrutta le incertezze della retroguardia ospite e su cross di Gonzalez fulmina il portiere Ujkani. Male nell'occasione prima Garcia, che si è fatto scappare l'avversario e l'ha lasciato crossare liberamente, poi Cetto che ha lasciato troppo spazio all'attaccante tedesco. Nella ripresa super tiro da lontano di Candreva all'undicesimo, sorpreso l'estremo difensore albanese. L'unica azione degna di nota per il Palermo arriva grazie al baby Dybala: l'argentino supera due uomini in area, sul suo cross la difesa della Lazio pasticcia, poi Ilicic vede il suo tiro ribattuto da Marchetti. Ma non è serata e arriva la terza rete laziale, sul cross dalla sinistra di Lulic c'è lo stop di petto e la conclusione di Klose che batte Ujkani con la coppia di centrali rosanero ancora una volta immobile. Secondo tris incassato in due partite (giocate contro due delle migliori formazioni della Serie A, ndr) e soliti problemi evidenziati dal Palermo: scarsa personalità, inconsistenza in attacco e difesa di burro. Ci sarà da lavorare durante la sosta per cercare di affrontare con un piglio diverso il Cagliari tra le mura amiche del “Renzo Barbera”, che potrebbero diventare ostili in caso di ulteriore risultato negativo: il pessimismo si fa largo tra i tifosi e il malcontento cresce di giorno in giorno. Mai così basso il feeling tra la piazza e la dirigenza, colpevole, a detta di molti, di aver indebolito eccessivamente la squadra.

Ecco il tabellino dell'incontro:

LAZIO (4-1-4-1) Marchetti; Konko, Biava, Dias, Lulic; Ledesma; Gonzelez, Candreva, Hernanes (84' Scaloni), Mauri (79' Onazi); Klose (88' Kozak). A disp.: Bizzarri, Carrizo, Cavanda, Ciani, Ederson, Floccari, Rocchi, Zarate. All. Petkovic

PALERMO (4-4-2) Ujkani; Pisano, Von Bergen, Cetto, S. Garcia; Bertolo, Barreto, Kurtic (57' Hernandez), Giorgi (50' Rios); Ilicic, Miccoli (57' Dybala). A disp.: Benussi, Labrin, Milanovic, Morganella, Munoz, Donati, Sanseverino, Viola, Budan. All. Sannino

MARCATORI: 39' Klose, 56' Candreva, 82' Klose

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio