Palermo, buona la prima di Iachini

Palermo, buona la prima di Iachini

Partita per pochi intimi (7884 spettatori) quella tra Palermo e Juve Stabia, che vede il felice debutto sulla panchina rosanero di Beppe Iachini: il tecnico marchigiano, che ha sostituito in settimana l'esonerato Rino Gattuso, si affida subito al 4-3-1-2 con Di Gennaro alle spalle di Hernandez e Dybala. Esordio a centrocampo per Verre, mezz'ala al fianco di Barreto. Ospiti con mister Braglia squalificato, il vice Isetto mette in campo un 4-4-2 con gli ex Lanzaro e Caserta.

Avvio di marca campana, ma col passare dei minuti il Palermo prende le misure e diventa padrone del campo. Al 10' Hernandez smarcato da una sponda aerea di Dybala calcia su Calderoni tirando a botta sicura, quindi al 18' cross dalla destra dell'ossigenato Morganella e di testa Hernandez la mette alta sulla traversa. Dopo cinque minuti arriva il vantaggio rosanero: al 23' rete di Di Gennaro da due passi dopo una serie di respinte sugli sviluppi di un corner. Dominio palermitano, con le punte sudamericane protagoniste: al 27' palla profonda per un buon Hernandez che trova in area Dybala, bel sinistro deviato in angolo da Calderoni. Si vede la Juve Stabia poco dopo la mezz'ora, quando Vitale sbuca alle spalle di tutti in area: il fluidificante ex Ternanda calcia in porta, ma sulla sua conclusione è Andelkovic a salvare sulla linea. Finale di tempo nuovamente favorevole alla formazione di Iachini: al 38' Hernandez ruba palla in area e calcia bene colpendo però il palo a Calderoni battuto, raddoppio sfiorato. Ci prova poi nuovamente Dybala, che incrocia sul secondo palo servito da una bella, ma il suo rasoterra non trova la porta; sempre Dybala al 41' col destro trova la respinta di Calderoni, poi Di Gennaro e Verre sparano sul muro della difesa.

La ripresa si apre con il palo esterno colpito al 50' da Di Gennaro, che sfrutta un rimpallo sul filo del fuorigioco. Nell'azione successiva rete annullata per fuorigioco al gialloblù Ghiringhelli, che da due passi mette dentro dopo la respinta laterale di Sorrentino sul tiro di Vitale: giusta la decisione dell'arbitro Merchiori di Ferrara. Dopo tante occasioni offerte, il match vive una fase con poche emozioni nella fase centrale del secondo tempo; al 67' out Di Gennaro, toccato duro, entra Pisano e il Palermo passa al 3-4-1-2 con Verre che avanza a galleggiare tra le linee. Spazio anche per il nordirlandese Lafferty, che al 73' rileva uno stanco ma positivo Dybala. Al 78' il raddoppio per gli uomini di Iachini: Hernandez lanciato in profondità si procura un rigore (rosso per Lanzaro, autore della trattenuta) e lo realizza spiazzando il portiere. La partita di fatto si chiude qui. A sei minuti dal termine aplausi a scena aperta per Verre, autore di un'ottima prestazione, che viene sostituito dal rapido Troianiello. C'è solo il tempo per la splendida punizione dal limite di Lafferty che al 92' la mette all'incrocio realizzando il 3-0 finale.

Buona la prima per mister Iachini: il suo Palermo rischia poco contro le 'vespe' di Castellammare di Stabia, a dire il vero poco pungenti e più che altro costrette a difendere; quinta sconfitta stagionale per la squadra campana, terza vittoria per i rosanero che erano reduci da due sconfitte in trasferta. Molto bene a centrocampo Verre e Bolzoni, discreta prova di Di Gennaro sulla trequarti; male il subentrato Pisano, deludente ancora una volta Morganella. Nel complesso tanti top e pochi flop. Tre punti d'oro per il Palermo, che rilancia così le proprie ambizioni in classifica...

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio