Palermo, il treno rosa si ferma a Firenze
foto SiciliaToday

Palermo, il treno rosa si ferma a Firenze

Incredibile e folle pomeriggio al "Franchi" di Firenze, dove i viola padroni di casa battono per 4-3 il Palermo privo di Dybala: per l'argentino fastidio muscolare accusato durante il riscaldamento e riposo a scopo precauzionale. Solito 3-5-2 per i siciliani con Feddal in difesa e Belotti in attacco; Fiorentina con molti assenti ma con un micidiale Borja Valero in mezzo al campo. Lo spagnolo, pur senza andare in gol, risulta essere il migliore al termine del match.

Palermo poco cattivo e determinato, Fiorentina determinata e a caccia dell'intera posta in palio sin dai primi minuti. Questa l'estrema sintesi della partita. Nella fase centrale del primo tempo arrivano l'1-0 firmato Pasqual (bel diagonale dal limite) e la traversa di Borja Valero con un tocco sotto a scavalcare il portiere, quindi al 41' il palo di Pizarro a certificare la supremazia territoriale dei toscani. Nella ripresa è Basanta dopo pochi minuti a siglare il raddoppio, sfruttando un rimpallo e insaccando a porta vuota con Sorrentino fuori causa dopo lo scontro con Gomez. L'ingresso di Quaison risveglia il Palermo, che sfruttando due disattenzioni della difesa di Montella giunge al pareggio: contropiede di Belotti, palla in mezzo per il nuovo entrato e piattone vincente. Lo svedese poi batte nuovamente Tatarusanu (in porta al posto di Neto, infortunato e comunque virtualmente fuori rosa per questioni di mercato), che si addormenta e insieme a Marcos Alonso lo lascia arrivare sul retropassaggio di Pizarro. Al quarto d'ora della ripresa è 2-2, ma poco dopo è Cuadrado a ristabilire le distanze anticipando tutti sul cross teso di Pasqual; dall'altra parte stessa azione non sfruttata da Belotti, bello il cross basso dell'altro nuovo entrato Emerson. Alla mezz'ora della ripresa si chiude il match: gran gol a giro di Joaquin, che col destro trova il secondo palo per il poker viola. La partita, però, non è veramente finita perché al 35' Belotti si procura un rigore e dal dischetto accorcia ancora le distanze. Nel finale non ci sono azioni rilevanti da ricordare, il Palermo perde meritatamente e torna a mani vuote dalla Toscana.

Dopo nove risultati utili consecutivi arriva la sconfitta per la banda-Iachini, oggi troppo remissiva per almeno un'ora di gioco ed evidentemente Dybala-dipendente (troppo pesante, vista la partita, l'assenza del gioiellino che ha rifiutato la Nazionale azzurra). I rosanero sono usciti alla distanza, combattendo solo nella seconda parte dell'incontro dopo le iniziali difficoltà: dopo due mesi, dunque, si ferma la corsa palermitana e la squadra resta ferma in classifica a quota 25 punti.

A.R.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio