Palermo, male a San Siro: 3-0 Inter
Foto Placente/SiciliaToday

Palermo, male a San Siro: 3-0 Inter

Un brutto Palermo e una bella Inter danno vita al posticipo della 22ma giornata del campionato di Serie A, match terminato con la vittoria casalinga dei nerazzurri. I rosanero, privi di Vitiello e Andelkovic in difesa e di Maresca a centrocampo, si presentano a San Siro con la formazione-tipo eccezion fatta per la difesa; a centrocampo c'è ancora Jajalo, con gli altri nuovi acquisti in panchina. Nell'Inter unica punta pura Icardi, con Palacio a gravitargli intorno e con Shaqiri a galleggiare tra le linee: in mezzo Guarin e Brozovic, con Medel davanti alla difesa. Sarà proprio il centrocampo a fare la differenza tra le due squadre.

Gara sottotono degli uomini di Iachini, spesso infuriato coi suoi nel corso del primo tempo. Come prevedibile, la partita la fa quasi sempre l'Inter: monumentale Brozovic, un “tuttocampista” in grado di interpretare al meglio le varie fasi di gioco. Serata di sofferenza per la raffazzonata difesa del Palermo e per Sorrentino, costretto a raccogliere la palla dal sacco per ben tre volte. Un colpo di testa di Guarin al quarto d'ora sblocca il match, male i siciliani nella marcatura a zona che lascia tutto solo il centrocampista colombiano. La manovra palermitana non è all'altezza di quella vista in altre partite, anzi, è del tutto assente: brutta gara di Vazquez e Barreto, imprecisi e poco incisivi in fase propositiva. Nella ripresa succede di tutto e di più: dal palo di Vazquez al successivo errore sotto porta di un volenteroso Dybala, fino al palo di Icardi da fuori area e alla traversa di Ranocchia sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Ma soprattutto c'è la doppietta di Icardi, che poco dopo l'ora di gioco e nel finale di gara realizza prima il raddoppio nerazzurro e poi mette il sigillo sul match vinto con merito dai suoi. Seconda frazione di gioco di buon livello per l'attaccante ex Samp, niente da fare per un Palermo che non cambia passo neanche con l'ingresso in campo di Belotti o con la sostituzione degli esterni. Il 4-3-1-2 di Mancini sembra perfetto, il 3-5-1-1 di Iachini questa volta è stato inefficace a differenza del solito: i nerazzurri, dominando nel settore nevralgico con equilibrio, grinta e qualità, non hanno quai mai concesso occasioni pericolose agli avversari, presentatisi a San Siro con ben quattro punti di vantaggio in classifica e mai entrati veramente in partita.

In virtù di questo risultato, l'Inter si porta a -1 dal Palerm che non sfata il tabù: mai una vittoria in casa dei nerazzurri nell'era Zamparini. Serata poco brillante, Iachini non ha avuto la solita squadra a disposizione e non si è visto il vero Palermo. Questo va detto. Sconfitta amara per i rosanero, scesi in campo non con il piglio giusto (a differenza degli avversari). Gira tutto bene all'Inter, che – anche grazie alle buone prestazioni dei singoli – approfitta della scarsa vena palermitana e porta a casa l'intera posta in palio. Nel prossimo turno i rosanero dovranno affrontare il Napoli, mancherà in difesa Gonzalez (diffidato e ammonito nel corso della ripresa) ma ci sarà il rientro di Andelkovic; da verificare la disponibilità di Vitiello e Maresca, ambedue fuori per infortunio.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio