Palermo, un super Belotti abbatte il Novara

Palermo, un super Belotti abbatte il Novara

Il Palermo ritrova la vittoria nel secondo match interno consecutivo dopo quello (perso) con Latina. Contro il Novara mister Iachini lancia Lafferty e Belotti dal primo minuto nel 3-5-2 e riporta Terzi al centro della difesa, con Bacinovic in cabina di regia. Gli ospiti rispondono con lo stesso modulo e l'ex Gonzalez a guidare l'attacco.

La partita - Primo quarto d'ora di studio, senza azioni degne di nota. Al quarto d'ora bella discesa degli ospiti con Gonzalez, che taglia da destra fino al centro e calcia dal limite dell'area: palla lenta, facilmente controllata da Ujkani. Al 16' il primo squillo rosanero: Lafferty servito in area dalla destra da Stevanovic controlla spalle alla porta, poi si gira superando Ludi e di destro tenta il tiro rasoterra che si spegne un soffio a lato alla destra del portiere Kosicky rimasto fermo in piedi. Il Novara risponde con una grande azione di Rubino che buca centralmente e serve in profondità per il taglio di Lazzari, ma Daprelà con una perfetta diagonale difensiva chiude provvidenzialmente. Poco dopo la mezz'ora ottimo cross basso di Lafferty dalla sinistra, Bolzoni fa velo e lascia passare la palla per Stevanovic che può cercare la conclusione, ma trova il muro della difesa schierata davanti alla porta. Al 34' schema dei rosanero su calcio di punizione, Bacinovic dopo un dribbling tira dal limite ma non centra la porta. Ancora il Palermo a sette minuti dal termine della prima frazione di gioco, su calcio d'angolo e Munoz a provarci di testa sfiorando il secondo palo: brivido per Kosicky. Al 45' il vantaggio firmato Belotti: ottima palla di Verre per l'ex attaccante dell'Albinoleffe che prima va in profondità e poi si ferma per saltare gli avversari all'altezza dal vertice dell'area prima di scoccare un destro micidiale che si insacca all'incrocio dei pali. Uno a zero e fischio finale del primo tempo.

In apertura di ripresa, dopo cinque minuti, l'ex Gonzalez prova a pungere il Palermo calciando dai 25 metri a giro: palla che non trova la porta, ma tiro insidiosissimo. Sono solo le prove per il gol del pareggio, che arriva al 52' con il lancio in profondità per l'argentino a scavalcare i mal posizionati Andelkovic e Terzi; buono il controllo della punta del Novara che a tu per tu con Ujkani non sbaglia e insacca ristabilendo. Dopo un'ora di gioco Iachini richiama in panchina Lafferty, non al top della condizione, per Hernandez lasciato fuori a sorpresa ad inizio gara. Successivamente spazio anche per capitan Barreto (che rileva un positivo Verre), partito oggi dalla panchina dopo una settimana tribolata a causa di un problema muscolare. Occasione ghiotta per il nuovo entrato Hernandez al 75', l'uruguaiano all'interno dell'area piccola sugli sviluppi di un calcio d'angolo s'incarta e spreca. Il Novara si chiude bene e prova a colpire in contropiede, a dieci minuti dal termine Iachini si gioca la carta Troianiello. Un minuto dopo arriva l'espulsione di Pesce per doppia ammonizione, episodio che accende i pochi spettatori del “Barbera”: sulla punizione, nata in questa circostanza, Munoz di testa colpisce il palo esterno sfiorando il nuovo vantaggio. Assedio rosanero, al 90' di testa Belotti trova una gran risposta di Kosicky che sessanta secondi dopo non può nulla ancora sul nazionale U21: cross da destra e grande stacco di Belotti, colpo di testa vincente e 2-1 finale.

Successo prezioso per i rosanero, che con i tre punti si portano a quota 30 ad una sola lunghezza dall'Empoli capolista. Scavalcato il Lanciano, prossimo avversario, caduto oggi a Trapani.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Calcio