Palermo, vigile ucciso durante rapina in casa
Web

Palermo, vigile ucciso durante rapina in casa

Un vigile urbano è stato ucciso a Palermo durante una rapina. L'uomo avrebbe sorpreso i banditi mentre rubavano nella sua abitazione in via Scillato, nel quartiere Borgo Nuovo.
La vittima, Mirco Vicari di 38 anni, secondo le prime ricostruzioni stava tornando a casa e stava parlando al telefono con la compagna, quando ha trovato la porta aperta e i ladri nell'appartamento.

Ci sarebbe stata una colluttazione durante la quale il vigile è stato ucciso. I rapinatori sono riusciti a fuggire. Sull'omicidio indaga la polizia. L'inchiesta è coordinata dal pubblico ministero Sergio Demontis e dall'aggiunto Maurizio Scalia.

La compagna, anche lei vigile urbano, ha sentito in diretta al telefono lo sparo che ha ucciso Vicari dopo averlo udito gridare: «Polizia».
L'uomo era separato e aveva due figli di nove e 11 anni. Era noto per il rigore con il quale svolgeva le mansioni di controllo nei mercati rionali: qualcuno, che aveva motivi di risentimento, potrebbe averlo atteso a casa e potrebbe averlo ucciso poi simulando una rapina.
«Sono addolorato. Un fatto così grave dimostra che non c'è rispetto per la vita», ha commentato il comandante della polizia municipale di Palermo, Vincenzo Messina.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca