Parmitano, prima passeggiata nello spazio per un italiano
Flickr

Parmitano, prima passeggiata nello spazio per un italiano

Luca Parmitano è uscito dalla Stazione spaziale Internazionale (Iss) alle 7.43 (ora di Huston). E' il primo astronauta italiano a compiere una passeggiata spaziale e realizzare una attività extra veicolare (Eva).
Prima del 37enne siciliano, in orbita dal 29 maggio scorso per una missione di lunga durata, è uscito l'astronauta della Nasa Chris Cassidy, 43 anni, un vero veterano della 'sky walk'. La missione di manutenzione all’esterno è stata lunga circa 6 ore.
La passeggiata spaziale di Parmitano e di Chris Cassidy comprende numerose attivita' come la manutenzione esterna della Iss, lo spostamento e il recupero di esperimenti posti fuori dalla Stazione spaziale e la sostituzione di una telecamera.
A sei settimane dalla partenza della missione 'Volare', la prima di lunga durata dell'Agenzia spaziale italiana, Luca Parmitano sta dunque realizzando il suo nuovo primato, l'astronauta dell'Esa e pilota sperimentatore dell'aeronautica miltare è infatti oggi protagonista della prima delle due attività extra veicolari di questa lunga avventura che sta vivendo in orbita. Il collegamento con lo spazio in Italia è stato organizzato dall'Asi nella sua sede istituzionale di Tor Vergata, alla presenza del presidente dell'Agenzia spaziale italiana, Enrico Taggese.

A commentare tutte le fasi tecniche del collegamento con la Stazione spaziale sono la responsabile dell'Unità microgravità dell'Asi, Delfina Bertolotto, e l'esperto dell'Esa Claudio Sollazzo, del Direttorato voli umani dell'Agenzia spaziale europea. "Luca è uscito dalla Iss cinque minuti dopo l'astronauta della Nasa Cassidy che riparerà una scheda di controllo del sistema di trasmissione" ha spiegato l'esperto dell'Esa Sollazzo. Nel frattempo Luca si è portato in una zona della Stazione spaziale dove c'è un esperimento, il Mise che studia i materiali esposti allo spazio, una sorta di 'scatola' che contiene materiali sottoposti in varie condizioni all'ambiente spaziale.
"Luca ha il compito di recuperare questi esperimenti e di portarli nel modulo di pressurizzazione" ha proseguito Sollazzo sottolineando che l'astronauta italiano, nel corso di questa lunga passeggiata spaziale farà anche foto all'esperimento Amms, un importante esperimento italiano, e queste fotografie serviranno per realizzare una verifica completa sullo stato dell'esperimento Amms.

L'impegno di Luca però non si ferma qui. "Una volta smontati gli esperimento ha proseguito Sollazzo- Parmitano si recherà sulla seconda zona di lavoro dove viene agganciato un braccio robotico con calzari magnetici e, in questa zona, dovrà spostarsi su due differenti tragitti all'esterno della Stazione spaziale internazionale di cui uno richiede 15 minuti di percorso e l'altro 27 minuti". L'ultima attività che attende Chris e Luca sara' quella di mettere la copertura definitiva al vecchio attracco dello Shuttle che ormai è andato in pensione e non volerà mai più sulla Iss.
Questa di oggi è solo la prima passeggiata spaziale di Luca Parmitano, l'astronauta italiano dell'Esa infatti ne compirà un'altra il 16 luglio prossimo per preparare l'istallazione del modulo russo Mlm (Multifunctional laboratory module) su cui verrà agganciato il Braccio robotico europeo (Era) che arrivera' sulla Stazione spaziale ad agosto prossimo.
Quella di oggi è una lunga giornata per Luca Parmitano iniziata alle 9,15 con l'ingresso insieme a Cassidy nella camera di pressurizzazione. I due astronauti infatti, prima di realizzare la loro passeggiata spaziale, hanno dovuto respirare ossigeno puro ed espellere così l'azoto presente nel sangue, una procedura che evita problemi di embolia agli astronauti sottoposti alla microgravità. Anche domani sarà una giornata particolare per Luca Parmitano che alle 14:36 si collegherà in via eccezionale con i piccoli pazienti dell'Ospedale Bambin Gesù di Roma.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Scienze & Tecnologia