Province, via libera alla riforma. Crocetta:
Web

Province, via libera alla riforma. Crocetta: "Una gran fatica, ma buona legge"

“È stata una grande fatica ma alla fine, grazie anche alle azioni di mediazioni del governo, è venuta fuori una buona legge. Stiamo anticipando quello che avverrà tra qualch mese in Italia”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta commentando l’approvazione dell’articolato della riforma delle province all’Ars.

Per l’approvazione definitiva della legge manca solo il voto finale fissato per martedì prossimo. ”Spero che martedì la legge venga approvata – dice Crocetta – Verranno istituiti i consorzi ma anche le città metropolitane, abbiamo raggiunto su alcune cose molto di piu’ di quanto avevamo pensato”.

“Anche quando si fanno le ristrutturazione delle aziende c’è la new company e la bad company – dice – Non possiamo caricare sui nuovi consorzi tutti i debiti delle province. Sarebbe criminale”. E sul personale delle province Crocetta dice: “Non deve preocuparsi perché sarà valorizzato. Una parte dei funzionari verrà trasferito ai comuni dove possono mantenere lo status, e alcuni andranno nei consorzi e nelle città metropolitane e questo viene fatto migliorando i servizi”.

Il governatore torna a parlare di rimpasto. “Da martedì prossimo, dopo che sarà approvata la legge sulla riforma delle province, avvieremo una discussione utile alla ricomposizione del governo”. Così Crocetta ha risposto ai giornalisti che gli hanno chiesto del rimpasto dopo la sollecitazione del Pd. Alla domanda se tratterà di un azzeramento, come ha detto ieri il deputato del Pd Antonello Cracolici o di un rimpasto risponde: “Non so cosa voglia dire azzeramento, la politica è fatta di confronti, l’importante è che ci sia una ratio”. Ed esclude “per ora” la possibilità che qualche deputato del Ncd possa entrare in giunta: ”Non credo sia all’ordine del giorno”.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Politica