Ragusa, tutta una città stretta intorno a Pamela
Web

Ragusa, tutta una città stretta intorno a Pamela

Un’intera città si è stretta attorno ai familiari di Pamela Canzonieri, la donna di Ragusa di 39 anni uccisa il 17 novembre scorso in Brasile da un tossicodipendente. La cattedrale di Ragusa era piena in ogni ordine di posti per i funerali della giovane cameriera andata in Brasile per cercare lavoro. C'erano le massime autorità cittadine e militari, a cominciare dal sindaco di Ragusa Federico Piccitto, nonostante i familiari nei giorni scorsi avessero stigmatizzato l’assenza del primo cittadino ed espresso la volontà di non volerlo alla fiaccolata della scorsa settimana organizzata dagli amici di Pamela. Presenti anche il prefetto Maria Carmela Librizzi e il questore Giuseppe Gammino.

Nella sua omelia il vescovo di Ragusa Carmelo Cuttitta ha parlato chiaramente di «femminicidio», di «un gesto d’una crudeltà terrificante. Crea un profondo dolore questa inaudita violenza - ha aggiunto - nei confronti di una donna dagli occhi vispi e dal sorriso smagliante che pur di lavorare ha dovuto transitare altrove per guadagnarsi onestamente da vivere. E questo suo continuo viaggiare l’ha condotta all’incontro fatale».

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca