Strage di migranti, 180 le vittime del naufragio di sabato
Web

Strage di migranti, 180 le vittime del naufragio di sabato

Sarebbe molto più drammatico il bilancio delle vittime del naufragio avvenuto lo scorso sabato 19 luglio a circa 65 miglia dall'isola siciliana di Lampedusa.

Il racconto dei superstiti sbarcati a Messina è agghiacciante: "Su quel barcone eravamo in 750, ci siamo salvati soltanto in 569, gli altri 181 sono morti, molti annegati quando ci siamo avvicinati al mercantile danese che ci stava aiutando. E tra loro c'erano molti bambini".

Dopo l'invio dell'Sos, il barcone era stato raggiunto e soccorso da un mercantile che si trovava in zona. Nella stiva del natante erano stati trovati alcuni corpi senza vita: in un primo momento si era parlato di 18 persone, poi con il passare delle ore il bilancio si era aggravato. Alla fine erano stati contati 29 morti nella stiva, più una persona deceduta durante le fasi di soccorso.

I testimoni parlano anche di atroci uccisioni tra gli stessi migranti: alcuni hanno accoltellato i loro stessi compagni di viaggio perché in coperta non ci sarebbe stato spazio per tutti.

Le autorità stanno ora indagando sulle parole dei profughi, anche se l'affondamento del barcone rende difficile fare una stima reale delle vittime.

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca