Strage di migranti a Lampedusa: nove arresti
Web

Strage di migranti a Lampedusa: nove arresti

Le Squadre Mobili di Palermo e Agrigento hanno eseguito 9 decreti di fermo e 5 informazioni di garanzia nelle province di Agrigento, Catania, Milano, Roma e Torino nell’ambito dell’inchiesta sulla strage di Lampedusa del 3 ottobre del 2013. In quell’occasione morirono 366 migranti.

I provvedimenti sono stati emessi dalla Dda di Palermo nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere, nonché di favoreggiamento dell'immigrazione e della permanenza clandestina, aggravati dal carattere transnazionale del sodalizio malavitoso. Le indagini, avviate dopo il tragico naufragio avvenuto al largo di Lampedusa, hanno consentito di ricostruire le rotte e le tappe intermedie (caratterizzate spesso da stupri di massa e segregazioni) di quello e di numerosi altri terribili viaggi della speranza compiuti da centinaia di migranti, spinti e sfruttati durante le peregrinazioni, dai componenti di un pericoloso network malavitoso transnazionale, composto da soggetti eritrei, etiopi e sudanesi, i cui principali esponenti sono anch'essi destinatari del provvedimento restrittivo. Anche attraverso mirate attività tecniche è stato possibile verificare come l'attività di reclutamento e trasporto in Italia di consistenti flussi di migranti trovasse un importante appendice nel nostro Paese in attive ed efficienti "cellule" eritree, capaci di favorire la permanenza degli extracomunitari e prepararne l'approdo in altri stati del nord Europa e del Nord America.

L'esito dell'operazione sarà al centro di una conferenza stampa che si terrà, alle 11.00, nella palazzina 'M' della Procura della Repubblica di Palermo, alla presenza dei magistrati e degli investigatori. Giovedì pomeriggio ci sarà un incontro al Quirinale tra il governo italiano e la commissione europea per l'avvio del semestre. “Sarebbe grave l'assenza del commissario Malmstrom e se sarà confermata il premier e il governo si riserverebbero importanti azioni anche sul piano diplomatico", ha dichiarato il ministro Alfano al termine del cdm. "I risultati del consiglio Ue - ha aggiunto - sono importanti. Sulla gestione dell'immigrazione concentreremo gli sforzi del semestre, ci giochiamo tutto per cambiare faccia all'Europa".

Intanto è approdata all'alba nel porto di Palermo la nave mercantile Mar Atlantic, battente bandiera delle isole Marshall, con 235 migranti soccorsi nel Canale di Sicilia. Tra di loro anche 25 donne, una delle quali incinta, e quattro minori. L'accoglienza sulla banchina dei profughi è stata coordinata dalla Prefettura di Palermo

blog comments powered by Disqus
Inizio pagina
Home  >  Cronaca